Adesione al Protocollo d’intesa “Innovazione d’Insieme”

Con Delibera di Giunta, il Comune di Alessandria ha approvato l’adesione formale al Protocollo “Innovazione d’Insieme” per condividere esperienze e soluzioni di trasformazione digitale con le principali città metropolitane italiane.

Si tratta di una collaborazione diretta, soprattutto in ambito tecnico, tra gli enti locali, le società in house, partecipate, i gestori di pubblici servizi, che faciliti l’elaborazione e la diffusione di soluzioni rispondenti alle linee guida dettate da AGID, la programmazione e le strategie nazionali e fornisce un contesto permanente di consultazione sulle migliori prassi e sulle stesse linee guida in ambito ICT e dell’esigenza di formalizzare un’iniziativa di coordinamento nata spontaneamente per condividere esperienze e soluzioni di trasformazione digitale.

Il confronto, la cooperazione, lo scambio di esperienze, conoscenze e soluzioni sono al centro del progetto e avverranno concretamente attraverso la partecipazione a ‘Tavoli di lavoro’ per aree tematiche su iniziative di comune interesse.

Questo confronto a livello progettuale, coinvolgerà anche AGID e i Dipartimenti afferenti alla Presidenza del Consiglio dei Ministri (quale a titolo esemplificativo e non esaustivo quello della Funzione Pubblica), nelle materie di rispettiva competenza, al fine di conformare le iniziative alla strategia nazionale, alla regolamentazione di settore, nonché alle linee guida e standard.

Hanno aderito positivamente al protocollo in oggetto il:

  • Comune di Bologna
  • Comune di Firenze
  • Comune di Genova
  • Comune di Milano
  • Comune di Torino
  • Venis Spa (Azienda di servizi ICT del Comune di Venezia)

Questa collaborazione fra istituzionisottolinea il Sindaco di Alessandria Gianfranco Cuttica di Revigliasco –  è un lustro per la nostra città e ci permette di condividere le migliori pratiche con Comuni e soggetti pubblici che possono aiutare la crescita digitale dell’intero sistema città”.

L’idea di fondo è quella di favorire, attraverso il confronto, la cooperazione e lo scambio di esperienze, conoscenze e soluzioni, la promozione del riutilizzo e/o del riuso di processi, modelli logici e componenti software esistenti.

Si punta anche sulla co-progettazione, il co-sviluppo e la standardizzazione di processi digitali, che potranno portare ad un sensibile miglioramento delle ‘User Experience’ nell’utilizzo delle applicazioni unito ad un cospicuo risparmio nello sviluppo delle stesse.

Sarà l’occasione per accelerare i processi di standardizzazione dei vari componenti softwaredichiara l’assessore all’Innovazione Digitale, E-Government e ICT, Cherima Fteita e spingere per una vera interoperabilità sulla base di standard nazionali, garantendo il rispetto dei migliori modelli in materia di sicurezza e di protezione del dato”.