Momenti di poesia. Sul mare di Croazia, di Stefania Pellegrini

Il pensiero s’immergeva
tra le chiare acque
s’abbandonava
al dolce trasporto ristoratore
e riemergeva
svuotato da ogni resistenza.
Sciabordava in lento abbandono
nell’aria calda del mare croato.
Velata la luce rosata
tingeva pastello la scogliera
contagiando l’aria
in sonnolento silenzio.
Il tuo respiro,
profumava tenerezza,
gradevole tepore
di delicata carezza,
di piuma a sfiorare la pelle.
E il mio cuore leggero volava
come soffione nell’aria,
volava sull’ala di un gabbiano
fin quasi a toccare il cielo.
Fu un raggio d’azzurro
come un sogno
attraversò il corpo
e mi sentii parte di un angolo
di paradiso.


Stefania Pellegrini ©
(dalla raccolta “Tra le ali dei sogni”)