A 68 anni, è mancato il 2 aprile 2021 all’Ospedale di Novara il dottore Angelo Mancini, medico del lavoro, già dirigente Spresal e primo direttore del Centro Regionale Amianto Ambientale (Craa) di Casale Monferrato (AL).

Fu anche consulente della Procura della Repubblica per il pool guidato dal pm Raffaele Guariniello nel processo Eternit iniziato nel 2009.

“Fu un pioniere nelle politiche di bonifica dall’amianto, in particolare per quanto riguarda il polverino quando ancora non esistevano in Italia modelli di riferimento (con progetti pilota per la bonifica della piazza del Comune di Ticineto e del sottotetto della frazione di San Germano – Casale Monferrato, che divennero poi protocolli nazionali) – ha dichiarato a Sicurezza e Lavoro Nicola Pondrano – Inail Alessandria – Ha avuto il coraggio e la responsabilità di portare avanti politiche innovative di bonifica subito dopo l’approvazione della legge nazionale per la messa al bando dell’amianto (legge 257/1992)”.

“Negli anni Ottanta abbiamo lavorato insieme nella fase in cui la sanità pubblica ha iniziato a occuparsi in maniera più strutturale della salute nei luoghi di lavoro – ha detto a Sicurezza e Lavoro Bruno Pesce dell’Afeva – e ha poi accompagnato la fase di avvio di sensibilizzazione delle Istituzioni sull’amianto, che ha portato anche al rifiuto della riapertura dello stabilimento Eternit di Casale Monferrato, con l’ordinanza dell’allora sindaco Riccardo Coppo, come chiesto da Camera del Lavoro e Legambiente.

Ha preso a cuore la battaglia contro l’amianto, mettendoci del suo, senza mai mai risparmiarsi, anche a fronte di carenze strumentali e di personale”. Una tavola rotonda sull’amianto a Mirabello Monferrato (AL), nel 2012, con Massimiliano Quirico e Angelo Mancini.

“Con lui scompare uno dei ‘tecnici’ protagonisti nella lotta all’amianto – ha affermato Massimiliano Quirico, direttore di Sicurezza e Lavoro – che ha saputo raccogliere le istanze sociali e raggiungere importanti traguardi nelle bonifiche dell’asbesto.

Sempre cordiale e disponibile con noi durante la fasi del maxi-processo Eternit e in occasione degli eventi che abbiamo organizzato sul territorio, lo ricordiamo con affetto” Loredana Polito.