Inseriti nel circuito delle Regge Reali dei Savoia, Patrimonio Mondiale dell’Unesco dal 1997, i palazzi della Cavallerizza Reale di Torino sono un bene identitario, storico e culturale della Città di Torino.

Con l’approvazione del Piano Unitario di Riqualificazione, in data 8 febbraio, l’attuale Giunta Comunale ha di fatto dato il via al processo di cartolarizzazione del complesso che porterà alla vendita a privati di più dell’80% degli edifici del complesso.

La stessa Giunta aveva dichiarato nel settembre del 2017 la Cavallerizza “motore eccezionale di cultura e di bellezza con positive potenzialità, anche sotto il profilo economico”. Sono bastati un paio d’anni per cambiare radicalmente opinione e svendere cultura in cambio di hotel e centri direzionali di lusso.

Come Buona Destra crediamo nella cura e nella valorizzazione del patrimonio artistico e architettonico italiano. La bellezza pubblica delle cose è un valore da perseguire. Un patrimonio che alla Cavallerizza rischia di essere sperperato per opera di una delle peggiori amministrazioni che Torino ricordi. Riteniamo che privatizzare un bene comune come la Cavallerizza Reale sia un errore imperdonabile, un atto irrevocabile le cui conseguenze ricadranno sulle generazioni future e che per questo vada evitato a tutti i costi.

Per questo motivo Buona Destra, attraverso i propri Comitati Locali Piemontesi e Torinesi, ha deciso di aderire ufficialmente alla campagna #LaTuaCavallerizza che si propone di raccogliere le 10 mila firme necessarie al fine di indire un Referendum Cittadino contro la delibera di approvazione di un Piano Unitario di Riqualificazione.

Con questa adesione ufficiale i Comitati per Buona Destra del territorio dichiarano il proprio appoggio all’iniziativa e si attivano affinché la campagna di raccolta possa raggiungere l’obiettivo delle 10 mila firme necessarie nel più breve tempo possibile.

Metteremo a disposizione i nostri canali social e tutti gli iscritti al partito si attiveranno affinché la campagna abbia la massima visibilità possibile.

La raccolta firme #LaTuaCavallerizza, attraverso l’uso di uno strumento democratico come il referendum, farà rinascere una Cavallerizza restaurata, perché tutti, indistintamente, ne possano godere ed avere cura.

Comitati per la Buona Destra di Torino

Comitati per la Buona Destra del Piemonte