vittorianoborrelli.blogspot.com

Sulla lapide dove riposa mia madre ho inciso le parole di questa canzone che tanto la emozionava in quei giorni felici…

Mia madre ha gli occhi bagnati

da un’eternità

e gli anni che sono passati

son pieni di semplicità

E chiacchiera con una vicina

la senti cantare canzoni di ieri in cucina

Mia madre che legge i giornali

con quei suoi ridicoli occhiali

si guarda allo specchio con garbo

con un po’ di tristezza ed affanno

E sta ore intere al telefono

parlando di guai di spese da fare e del male

del suo male…

E vive così

in quella sua età

con una distratta vanità

E vive così

con quello che ha

ha tanto da dire e non lo sa

Mia madre tra l’alba e il tramonto

è sempre più bella del mondo

Le guance arrossate dal freddo

lo scialle che le copre il mento

Cammina con un po’ di fatica

ma dentro di sé è sempre rimasta bambina

una bambina…

E vive così

in quella sua età

con una distratta vanità

E vive così

con quello che ha

ha tanto da dire e non lo sa

(Tratto da “Le parole del mio tempo”)

(Puoi ascoltare il brano anche da qui: Le mie canzoni sono differenti)