Domani al Mercato Coperto di Campagna Amica in via Guasco ad Alessandria

”Sigilli” e Biodiversità, tra i tesori da salvare il recupero dei cereali antichi

La farina di Grano San Pastore, dal pane alla pizza, per tutelare sapori e saperi a rischio estinzione

Coldiretti. Alessandria: Il patrimonio di biodiversità del Paese si difende anche facendo la spesa al mercato dove gli agricoltori portano le specialità custodite da generazioni e salvate durante la pandemia Covid dal rischio di estinzione. 

L’iniziativa è della Coldiretti che festeggia la giornata mondiale della biodiversità 2021, proclamata nel 2000 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 22 maggio di ogni anno, con appuntamenti nei mercati contadini e negli agriturismi di Campagna Amica.

Domani, 22 maggio, dalle 10 alle 12, al Mercato Coperto di via Guasco ad Alessandria è in programma l’iniziativa dedicata ai “Sigilli di Campagna Amica” ovvero prodotti che rientrano nell’Atlante curato dall’Osservatorio sulla biodiversità, istituito dal comitato scientifico di Campagna Amica. 

Protagonista sarà il grano San Pastore e i prodotti realizzati con questo pregiato cereale antico: dal pane alla pizza ai biscotti. 

“Difendere la biodiversità non ha solo un valore naturalistico, ma è anche il vero valore aggiunto delle produzioni agricole del nostro territorio – ha affermato il Presidente Coldiretti Alessandria Mauro Bianco -. Tutelare la biodiversità agricola significa creare filiere ecosostenibili, efficienti e competitive ed investire sulla distintività è una condizione necessaria per distinguersi in termini di qualità delle produzioni ed affrontare così il mercato globalizzato, salvaguardando un settore chiave per la sicurezza e la sovranità alimentare soprattutto in un momento in cui, con l’emergenza Covid -19, ha dimostrato tutta la sua strategicità. In quest’ottica, è fondamentale l’attività svolta dalla Fondazione Campagna Amica che ha offerto opportunità e nuovi sbocchi economici agli imprenditori agricoli che allevano razze e coltivano varietà a rischio di estinzione che, altrimenti, non sarebbero mai sopravvissute alle regole delle moderne forme di distribuzione.”

Insieme ai cuochi contadini sarà l’occasione per conoscere meglio il valore inestimabile della biodiversità, risultato del lavoro di intere generazioni di agricoltori impegnati a difendere nel tempo il territorio e le tradizioni alimentari. 

Degustazioni, ricette e curiosità sempre nel pieno rispetto delle regole anti Covid. Per chi preferisce invece gustare in agriturismo la pizza realizzata interamente con farina San Pastore “L’Orto dei Nonni” a Cavatore vi aspetta.

“Tutelare la biodiversità è una condizione necessaria per le imprese agricole di distinguersi in termini di qualità delle produzioni ed affrontare così il mercato globalizzato salvaguardando, difendendo e creando sistemi economici locali attorno al valore del cibo – ha aggiunto il Direttore Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo -. Del resto l’agroalimentare italiano si fonda sui saperi delle nostre comunità e si sviluppa grazie alla ricerca che offre strumenti sempre nuovi di conoscenza della biodiversità. Un’azione di recupero importante si deve proprio agli sbocchi commerciali creati dai mercati degli agricoltori che hanno offerto opportunità economiche agli allevatori ed ai coltivatori di varietà e razze a rischio di estinzione che altrimenti non sarebbero mai sopravvissute alle regole delle moderne forme di distribuzione”.