Valenza: Chi è Alfonso Badini Confalonieri?

Oggi per la rubrica “Personaggi & Autori” di Alessandria today vi presentiamo Alfonso Badini Confalonieri vescovo cattolico italiano, dal 12 ottobre 2019 vescovo emerito di Susa.

Alfonso Badini Confalonieri è nato a Valenza il 1 agosto 1944.

da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Biografia

Nasce a Valenza, in provincia e diocesi di Alessandria, il 1º agosto 1944. È figlio di Vittorio Badini Confalonieri, ministro del turismo e dello spettacolo del governo Andreotti II, e bisnipote del senatore del Regno Alfonso Badini Confalonieri.

Formazione e ministero sacerdotale

Studia economia e commercio all’Università di Torino e svolge la professione di dottore commercialista. Entrato nel seminario diocesano di Susa, vi frequenta gli studi ecclesiastici, completati poi presso la Pontificia Università Gregoriana in Roma.

Il 29 giugno 1978 è ordinato presbitero, nella chiesa di Sant’Ippolito a Bardonecchia, dal vescovo Giuseppe Garneri. Dopo l’ordinazione è assistente del seminario minore di Susa.

È chiamato nel maggio 1981 a prestare servizio presso la Segreteria di Stato della Santa Sede; in contemporanea collabora con la parrocchia di santa Paola Romana ed è anche assistente dell’Azione Cattolica e del gruppo scout.

Il 21 marzo 1986 è insignito del titolo di cappellano di Sua Santità.

Il 6 luglio 1994 papa Giovanni Paolo II lo nomina delegato della sezione ordinaria dell’Amministrazione del patrimonio della Sede Apostolica

Ministero episcopale

Il 13 dicembre 2000 papa Giovanni Paolo II lo nomina vescovo di Susa[4]; succede a Vittorio Bernardetto, dimessosi per raggiunti limiti di età. Il 31 gennaio 2001 riceve l’ordinazione episcopale, all’altare della Cattedra nella basilica di San Pietro in Vaticano, dal cardinale Angelo Sodano, coconsacranti gli arcivescovi Agostino Cacciavillan e Francesco Monterisi (poi entrambi cardinali)[1]. L’11 febbraio seguente prende possesso della diocesi.

All’interno della Conferenza Episcopale Italiana è stato presidente del Comitato per gli interventi caritativi a favore dei paesi del terzo mondo e membro della Commissione episcopale per l’evangelizzazione dei popoli e la cooperazione tra le chiese.

Il 12 ottobre 2019 papa Francesco accoglie la sua rinuncia per raggiunti limiti di età; gli succede, come amministratore apostolico, l’arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia.