La musica parla ai luoghi sconosciuti dell’anima
a sottostrati di humus nero e denso
Vortica dentro melma e sabbie mobili
e si insinua lieve a toccare corde che avevi dimenticato
I tasti rimescolano le carte delle emozioni
e giocano una partita senza perdenti
Vince Lei coi suoi suoni netti e astratti
sfumati e concreti
Suoni di note rivelano il cuore
costellano l’anima di mille spilli
divenuti lacrime da accogliere

Giovanna Fileccia
26 maggio 2021