Casale Monferrato. Amianto: martedì l’incontro del Comitato di garanzia e giovedì prossimo il Comitato strategico

Il sindaco Riboldi: «Casale non sarà mai più la città dell’amianto, ma il

territorio della lotta all’amianto»

Si è riunito martedì 25 maggio in Sala consiliare il Comitato di garanzia per il monitoraggio,

l’informazione e la comunicazione sulla azioni intraprese in tema di lotta all’inquinamento da

amianto.

«L’incontro – ha spiegato il sindaco Federico Riboldi – è stato l’occasione per allineare i nuovi

componenti che nel frattempo si sono succeduti e per gettare le basi per la ripartenza dei lavori.

Lavori che si è convenuto dovranno avere almeno una cadenza bimestrale, affinché si sia sempre

aggiornati sull’evolversi della situazione.

Casale Monferrato dovrà essere la prima città del mondo amianto free: procedendo con determinazione, come stiamo facendo, è un risultato che possiamo

ottenere. Da città dell’amianto a capitale della lotta ad amianto, esempio a livello globale».

L’obiettivo del Comitato, lo ricordiamo, è quello di «costituire una stabile rete di interazione

informativa e comunicativa con la cittadinanza e garantendo la massima trasparenza ed

accessibilità delle informazioni relative alle azioni intraprese in campo ambientale, sanitario e

giudiziario in tema di lotta all’inquinamento da amianto», come riporta la delibera di istituzione.

All’incontro hanno partecipato il neo prefetto Francesco Zito, l’assessore e la dirigente all’Ambiente

di Casale Monferrato Maria Teresa Lombardi e Piercarla Coggiola, Albino Filippo in

rappresentanza di Arpa Piemonte, Paola Costanzo direttore Centro sanitario amianto Asl AL,

Marinella Bertolotti del Dipartimento Attività Integrate Ricerca e Innovazione, Claudio Saletta come

rappresentante dei Comuni del territorio e dell’Ispettorato del Lavoro di Alessandria e Asti, Nicola

Pondrano per la Cgil e il comitato provinciale Inail, Luigi Ferrando per la Uil, Sandro Rota

dell’Ordine degli Ingegneri, Giovanni Spinoglio del Collegio Geometri, Franco Maroni per Afeva,

Gian Piero Ameglio per la Confederazione Italiana Agricoltori e Claudio Mazzetto per

Confindustria.

«Ringrazio tutti per la partecipazione – ha proseguito il sindaco Riboldi -, perché si è potuto fare il

punto sulle molte attività messe in campo in questi anni e soffermarsi su alcuni temi caldi di queste

settimane, primo fra tutti l’istituzione dell’Irccs, l’Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico per

patologie ambientali e mesotelioma. Un’opportunità unica per il nostro territorio, grazie all’impegno

dell’assessore regionale Luigi Genesio Icardi che ha dato mandato ai due direttori dell’Azienda

ospedaliera e dell’Azienda Sanitaria Locale di Alessandria di definire la forma giuridica e di

redigere una bozza dell’atto costitutivo e dello statuto dell’Istituto».

La prossima settimana, invece, si terrà un altro importante appuntamento con al centro l’amianto e

la ricerca per la lotta al mesotelioma: giovedì 3 giugno, infatti, è convocato online il Comitato

Strategico amianto.

Casale Monferrato