Sabato 5 giugno anche ad Alessandria il Comitato “Restiamo liberi” organizza una manifestazione di dissenso verso il D.D.L. Zan Scalfarotto, attualmente in discussione in Parlamento

Anche l’Associazione Family Day sostiene questo gesto con la partecipazione di alcuni suoi rappresentanti, in considerazione della gravità del momento storico attuale.

Siamo fortemente preoccupati per la deriva antidemocratica che l’approvazione del DDL Zan introdurrebbe nel nostro Paese: con il pretesto infatti di garantire adeguata tutela a omosessuali e transgender contro discriminazioni e maltrattamenti, di fatto impone in materia di comportamenti sessuali e conseguenti scelte di vita un pensiero unico al quale tutti dovrebbero uniformarsi, onde evitare addirittura possibili conseguenze penali.

Viene pericolosamente messa in discussione la libertà di pensiero e di espressione garantita dall’art. 21 della Costituzione; si pretende di imporre alla scienza nuove definizioni dei concetti di identità sessuale e di genere che nulla hanno di scientifico e soprattutto si pretende di espropriare i genitori del loro naturale diritto-dovere di educare i figli secondo le proprie convinzioni, attraverso una massiccia campagna di indottrinamento che si sta già attuando nelle scuole di ogni ordine e grado.

Infine il DDL Zan introdurrebbe nel nostro ordinamento giuridico fattispecie di reati così indefiniti da comportare seriamente il rischio di abusi di potere di matrice ideologica da parte della magistratura nei confronti dei cittadini.

Insomma se il DDL Zan sarà approvato una categoria di cittadini sarà ipertutelata rispetto a tutti gli altri, che rischieranno addirittura l’emarginazione e la punizione.

Noi non vogliamo tutto questo e perciò ci ritroveremo per dirlo a tutti sabato 5 giugno, alle ore 16.00, in Piazza Marconi e ovviamente invitiamo ad unirsi al nostro gesto tutti quanti condividono le nostre ragioni oppure desiderano conoscerle senza pregiudizi.

Isabella Zanotto

Associazione Family Day Alessandria