Narrami del tramonto che non vedrò, Bruno Mattu

Narrami del tramonto

che non vedro’

stasera, mare,

di quel sole pallido

che il muro nasconde,

di quelle tue onde,

che mostri, orgoglioso,

oltre la vegetazione,

aguzza che attanaglia,

di quella conchiglia,

smarrita, che la tua riva

assottiglia in un crepitare

sordo, di quel tuo agitarti

lungo il bagnasciuga,

di quando mi avvicino

e la tua schiuma bianca

avvolge i miei piedi

scalzi, per sentirti,

il respiro del vento

che suggerisce discorsi

e noi muti ascoltiamo

i tuoi silenzi carichi

e vediamo gli ultimi

voli delle api stanche

non tornare sui fiori.

BM 29/05/2021

da: “Esperimenti di poesie”