Pjyer Aleyn: La danza della pioggia

Ivo Tosti

 La danza della pioggia

Dal cielo nebbioso

scende la danza della pioggia

a bagnare il cristallo del viso

e poi triste racconta di me

Mi dice accanite parole

che dentro gridano mondi

e viaggi dove le meridiane

non hanno vincoli ed età

Mi dice, tu chi sei?

Ancora non ti ho bagnato

sarai mica tu lo specchio fatato

che illumina il sole?

Rispondo :

– Io sono il poeta della pioggia

amico della nostra terra

e che insieme a te-

nascosto alla vista degli altri

discendo dal cielo

per prati e sentieri selvaggi

Insieme varchiamo orizzonti

dei mari in tempesta e di monti

sospinti ad approdi di un dove

ove il vento corsaro ci porta.

Tu cambi la terra

io trasformo le parole

addolcisco e dipingo i colori

dell’universo sbiadito

in un bel sogno lontano.

E tu venuto dal niente

nella tua danza mi parli sodale

e col tuo pianto lenisci

il respiro affannoso del male

Autore : Ivo Tosti

Vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, previo consenso dell’Autore.

Immagine : Pinterest