La storia della cicala e della formica (video) di Pier Carlo Lava

Nel video ci riferiamo ovviamente alle formiche maschio che hanno vita breve, infatti la loro esistenza si limita al periodo dell’accoppiamento, cioè solo poche settimane. Mentre le formiche femmine operaie vivono in media da 6 mesi a due anni, le regine vivono molto di più, da 5 a 20 anni. La regina più longeva ha vissuto in laboratorio per ben 29 anni!

La formica, la cicala e l’ape ( filastrocca ) diAndrea Patrone

La formica, la cicala e l’ape ( filastrocca )

Un giorno una formica uscendo dalla
terra vide il sole e subito disse alla sorella:
oggi non è giornata per portare chicchi e
grandi foglie, noi a lavorare mentre la
regina è sempre a letto con le doglie.
Meglio stare all’ombra di un fungo rosso
o nel fresco nido di un pettirosso.
La piccola formica stupita dall’amica, alzò
le sue antenne e sorridendo disse:
“io vado dove devo, tu fai ciò che sai.”
Una risposta strana che sembrava una
formula pagana, subito pensierosa lei
si corica supina su un petalo di rosa.
La frase nella testa girava come giostra,
” io vado dove devo, tu fai ciò che sai”,
che cosa sarà mai? Lo disse ad alta voce
credendo d’esser sola, ma il petalo di rosa
aveva sullo stelo un’ospite cantante, una
cicala verde con gli occhi simili alle perle
e una forte voce fatta con solo sette note.
La cicala verde grande e prepotente urlò
nell’aria la formula pagana che come foglia
è raccolta in un momento da un forte vento.
Così, presa per la coda si lascia trasportare
su terre sconosciute, su isole lontane,
raggiunge il contadino e pure l’operaio, un
nobile decaduto e anche un macellaio, per
poi cadere stanca su una strana pianta che
aveva il fusto nero e le foglie con il pelo di
fiori mai eguali che curavano tutti i mali.
Due ali trasparenti, un corpo giallonero e
un piccolo pungiglione volavano nel cielo.
Era la Regina del popolo volante che con
fatica impollina le piante, per donare
all’uomo il nettare più fine come io dono
a te queste pazze rime:
tutto è imperfetto, ma non la fantasia con
le strane storie che son dentro alla poesia.

Andrea