Daniela Patrian: SAPORI D’INFANZIA

LATO B

SAPORI D’INFANZIA

I ragazzi della Via Pal,un libro che negli anni 70 /80 facevano leggere nelle scuole come programma scolastico, o durante le vacanze estive, A Denise era piaciuto tantissimo avrebbe voluto fare parte,di una delle due bande,sicuramente ci sarebbe stato un altro finale,pensava Lei.

Durante l’estate,in montagna si formavano sempre delle bande e quella formata da Denise era in competizione con una in particolare. 

La sua casa situata in una diramazione di una lunga via in salita, qui c’erano diverse case e i ragazzi formavano la banda di Denise, mentre quella in conflitto erano in cima alla via, si contendevano i vari spazi di bosco…

Quell’anno in vacanza arrivarono due fratelli che risiedevano nel milanese ma di origini meridionali.Il più grande Gaetano ha la stessa età di Denise,è robusto simpaticissimo e solare,il fratello Michele,tre anni più piccolo,magro ,solare scattante….diventerà la mascotte della banda.Costruirono una bellissima capanna con i rami,così bella non l’aveva mai fatta Denise.Fecero tante trappole,x i nemici;buche ricoperte da foglie,vicino alla capanna,in modo che chi non lo sapeva cadeva dentro.Spesso due sorelle molto più grandi di loro figlie della proprietaria di casa di Gaetano e Michele e di altri bambini che giocavano con Denise si sbizzarrivano a mostrare cose pericolose e strane…da far irritare i genirori dei bambini Famosa la corda di Tarzan,situata in un punto pericoloso.A Denise piacque molto,spericolata anche lei ,forse fu l’unica che nn si fece male oltre alle due ragazze grandi, ma fece parlare quell’anno anche la torta di sabbia con sopra la marmellata vera….

Quel giorno Gaetano e Denise,disfarono la torta,fatta il giorno prima,muniti di acqua formarono un grosso impasto di sabbia,mentre lo stavano ultimando si sentirono voci alle loro spalle,ma non tanto vicini,erano gli altri,quelli  della banda rivale,nel frattempo,si erano aggiunti gli altri componenti della banda di Denise,tutti con le mani nell’impasto di terra , quelli dell’altra banda si avvicinavano prendendoli in giro,ad un certo puntò suonò la frase:terrone cicciobomba con tre buchi nel sedere!!Gaetano prese la sabbia dell’impasto fece una palla e la tirò contro uno di loro che a sua volta prese un sasso e fortunatamente non prese nessuno.La banda di Denise cominciò a fare palle di palta,e a tirarle gli altri indietreggiavano e Denise avanzava,sino quando un degli avversari x scappare cadde e in due salti Denise e gli altri lo raggiunsero e lo riempirono di sabbia bagnata,sino a farlo piangere.Ritirata degli avversari.Dopo una mezz’ora il bambino che era caduto,si presentò con la mamma agguerrita raccontando ai genitori della banda di Denise cosa avessero fatto al suo bambino.Quel giorno furono puniti tutti niente uscita alla sera,ma Denise non ci stava ,dopo cena scavalca dalla finestra del bagno,che si affaccia in giardino ed esce,Gaetano già la stava aspettando.finiamo il lavoro ,le dice,conosco le macchine di Egidio e Andrea (due bambini dell’altra banda,uno di questi era quello caduto e riempito di sabbia )riempiamole di palta…e così fecero…Il giorno dopo  la nonna di Denise fu chiamata dal padre di uno dei due bambini….non si sa cosa disse,ma Denise rischiò di tornare a Milano all’istante e di finire in quel momento le sue vacanze in montagna…..poi fu punita con compiti scolastici supplementari….