Rassegna ”E a un certo punto il ROSSO cambiò colore”

Venerdì 18 Giugno la Fondazione Luigi Longo riapre le sue sale d’arte con la rassegna : ”E a un certo punto il ROSSO cambiò colore”. Questa rassegna con la direzione artistica di Paolo E. Archetti ed Eugenio Merico apre la ricorrenza dei 100 anni del P.C.I. con una serie di manifestazioni che si concluderanno il 21 gennaio 2022.

Le serate di giugno, luglio e settembre  vedranno la presenza di artisti impegnati con la loro arte a proporre gli ideali di lotta,  di giustizia per i diritti del lavoro e per la dignità di tutta l’umanità. Parole antiche ma mai come in questo momento attuali. Alla musica e alle parole in musica si accompagneranno anche serate dedicate alla lettura con la presentazioni di libri, e riflessioni letterarie.

Venerdì 18 giugno le porte si apriranno alle ore 17,30 con l’inaugurazione di due nuove mostre d’arte collocate all’interno della Fondazione: ”Tono Zancanaro: opere grafiche” e la mostra “1921 – 2021 Cento Anni in Piazzetta Rossa” con la presenza di Giorgio Seveso, critico d’arte e collaboratore del quotidiano L’Unità e di Flavio Zanonato, già ministro e sindaco di Padova.

Seguirà la presentazione del libro Care Compagne e Cari Compagni a cura di Oreste Pivetta, giornalista e Corrado Angione, uno dei protagonisti del libro.

Alle ore 21 Paolo Bonfanti, chitarra e voce con Roberto Bongianino, fisarmonica, apriranno la rassegna musicale con Civil Rights Band viaggio nella canzone di protesta americana. Le canzoni  diventano un manifesto civile, uno strumento politico con il quale intere generazioni hanno lottato per affermare la parità razziale, l’emancipazione dei lavoratori e la libertà delle donne, il diritto al lavoro e alla giustizia.

Una serata che gli organizzatori dedicano a tutti i movimenti di lotta impegnati in questo momento per la difesa dei loro diritti.

L’ingresso è gratuito fino a esaurimento dei posti.

Fondazione Lugi Longo