Christina Livingstone Broom

La donna nella foto è Christina Livingstone Broom, la prima fotoreporter inglese della storia.

Era di origine benestante, sposò nel 1889 Albert Broom con il quale conduceva una vita agiata grazie all’attività del marito. Tuttavia, nel 1903, un incidente lo rese infermo, comportando il declino delle loro entrate.

Christina dovette trovare una fonte di reddito alternativa da sola. Aveva già 40 anni, considerata forse un po’ troppo vecchia all’epoca, e senza particolari esperienze o capacità.

Ma lei non si dette per vinta e decise di tentare la fortuna con la vendita di cartoline.

Si procurò una macchina fotografica, imparò da autodidatta a scattare fotografie e mise in piedi il suo business vendendo cartoline ai visitatori delle Scuderie Reali di Buckingham Palace.

Con il supporto dalla figlia adolescente, che abbandonò gli studi per aiutarla, Christina vide crescere a poco a poco la sua reputazione di fotografa.

Non era fotografia di studio, come andava di moda all’epoca. Christina aveva il suo stile, usciva per strada, piantava la sua macchina fotografica e iniziava a scattare.

Le sue immagini di eventi pubblici, come l’inaugurazione del tram di Westminster, il funerale di Edoardo VII e l’incoronazione di Giorgio V, iniziarono ad apparire su molti quotidiani dell’epoca tanto che la regina Maria la ingaggiò per fotografare la Famiglia Reale Britannica.

Le sue foto divennero un’inestimabile testimonianza del movimento suffragista britannico, immortalando le strade di Londra inondate di donne a sostegno del voto femminile in Inghilterra. Il ricordo di quelle immagini così potenti arriva a noi, ancora oggi, proprio grazie a Christina.

La voglia di documentare le vicissitudini e la drammaticità degli eventi che la circondavano, non si fermò là. Durante la Prima Guerra Mondiale, infatti, Christina volle catturare l’angoscia dei soldati che andavano al fronte. Non le fu mai concesso di andare in prima linea in quanto donna, ma decise di ritrarre i soldati mentre lavoravano in caserma o venivano curati negli ospedali. Le immagini di quelle masse di uomini colti tra la vita e la morte divennero una testimonianza di immenso valore storico e sociale.

Christina era diventata una fotoreporter a tutti gli effetti e cominciò a lavorare sistematicamente per riviste importanti inglesi.

Il suo sguardo sempre attento verso le donne, la gente comune e la sofferenza furono la sua cifra stilistica.

Una donna che per necessità, non più giovane e senza competenze, si mise in gioco creando una sua attività da una idea semplice è, ad oggi, dopo oltre un secolo, considerata una artista oltre che una reporter attenta ed acuta, che ha immortalato alcuni degli eventi più importanti della storia.

Christina Livingstone Broom ci insegna che non è mai troppo tardi per realizzare i propri sogni e che, anche nelle avversità, si può trovare la strada giusta per realizzarli ed avere il successo che ci meritiamo.

Per questo abbiamo creato i nostri corsi di imprenditoria femminile: perché ognuna di noi possa raggiungere il massimo del nostro potenziale, anche quando non crediamo di potercela fare – perché tutto è possibile, basta volerlo!

Realizzate i vostri sogni e iscrivetevi ai nostri corsi ora, ci sono ancora pochi posti a disposizione >> https://ihaveavoice.it/corsi-di-imprenditoria-femminile/

Guarda tutte le bellissime foto di Christina Livingstone Broom qua >> https://ihaveavoice.it/christina-livingston-broom-fotoreporter/

Christina Livingstone Broom, l’influencer che vorrei.

SOSTIENI il nostro impegno quotidiano e il nostro progetto per creare una rete di servizi gratuiti per le donne vittime di violenza. Il tuo contributo verrà raddoppiato se riusciamo a raggiungere l’obiettivo di 5.000 euro. Abbiamo bisogno di te per vincere insieme questa battaglia.

Ogni donazione, anche la più piccola, può fare la differenza. DONA ORA >> eppela.com/ihaveavoice