UN GIORNO QUALUNQUE

Ultimo giro di chiavi, ecco, finalmente a casa dopo una giornata lavorativa. La donna è accaldata e stressata, appoggia la borsa si libera dai vestiti e si sdraia sul letto…

Una mattina d’estate, fa caldo ma al lago c’è sempre vento… Il terrazzo di casa sua mostra un bellissimo panorama e al mattino fa colazione lì, succo di frutta cornetto fresco, respira profondamente, “che beatitudine”, pensa. Immersa nel turbinio di emozioni, suona il campanello di casa… Appoggia il suo foulard sulla sedia del terrazzo e si presta ad aprire la porta. Sorride all’uomo dal golfino blu a girocollo, lo invita ad entrare, il suo sguardo è nel vuoto, cerca di prendergli la mano per rassicurarlo, ma non riesce, come se fosse un fantasma… Parla di sentimenti forti, di mani legate, non ascolta cosa dice la donna…

Una zampa le tocca il viso, la sveglia, è la sua splendida gatta nera, vuole la pappa; nel frattempo torna la figlia, continua a parlare della sua giornata lavorativa, è entusiasta, una sbirciata sui social, sorride…

Daniela Patrian

Dipinto: tempere, pastelli
Daniela Patrian