Durante lo scorso weekend vari artisti hanno esposto le loro opere al Meeting multimediale di creatività, che si è tenuto al Laboratorio Anarchico PerlaNera di Alessandria.

Tra questi il fotografo Roberto Pestarino , che nel 2020 ha dovuto rinviare per due volte il suo allestimento presso la Libreria Mondadori,organizzato da Uisp e Consulta Pari Opportunità del Comune di Alessandria, a causa delle restrizioni legate alla pandemia.

Finalmente “Volontà di esistere” ha visto la luce ed è stata presentata a cura di Lia Tommi.

La mostra di Roberto Pestarino “ Volontà di esistere” illustra una storia di violenza su una donna, e stimola la riflessione  su come si può e si deve  avere la volontà  di uscire da questa spirale , per tornare ad esistere con la piena dignità  di  persona umana.
Le 20 foto , esposte a X, raccontano di due vite  che si incontrano e costruiscono un intreccio  comune di sogni e desideri, fino a che si sviluppa da parte dell’ uomo l’ uso della  violenza sulla compagna,  ma lei ha la forza di superare la paura e individuare la necessità  di uscirne e, illustrati rischi e pericoli, si apre alla speranza e a un futuro migliore.

Hanno collaborato alla realizzazione dell’ opera Benedetta Gastaldo e Fabio Sacco come modelli e molte ambientazioni sono fornite da Fusaro Arredamenti di Cassano Spinola.


Roberto Pestarino,  alessandrino, dal 2004 vive nella campagna di Cassano Spinola.  Il suo interesse per la fotografia nasce quasi per caso, e ha continuato a fotografare  per istinto,  senza guide o corsi, crescendo attraverso il confronto con altri fotografi,  studiando le tecniche e documentandosi. Oggi è  Presidente del Circolo Fotografico  Oltregiogo di Serravalle Scrivia e partecipa a mostre e concorsi in tutto il mondo.