Accarezzo il bacio

della luce del sole

nella spuma di neve

del pallido inverno

Mi porto serrato

il respiro di rocce

e di stelle rubate

al freddo delle montagne

E mi imbatto nei frusci

mattutini dell’aquila

che plana dal cielo alla terra

e nel silenzio mattinale

senza confini discende

Ha nel becco una brezza

che il mio cuore consola

e il mio fiato flebile

che presto svanirà

nella tempesta cupa

del mio pensiero

Autore: Ivo Tosti

Vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, previo consenso dell’Autore.

Fonte: Pinterest
Ivo Tosti