L’ Associazione Culturale Libera Mente Laboratorio di idee organizza ed invita

Venerdì 25 giugno pv alle ore 18,30 presso Il Centogrigio, via Bonardi n.25, Quartiere Cristo , Alessandria alla presentazione del libro di Massimo BRUSASCO dal titolo “Le mani del mago “
alla presenza dell’autore Massimo BRUSASCO e di Sergio VIGANÒ.                     
 
 
 
Fabrizio PRIANO
Presidente dell’Associazione Culturale Libera Mente-Laboratorio di Idee
INVITA
(nel rispetto della normativa vigente sul distanziamento sociale contro la diffusione del Covid-19)
alla presentazione del libro dal titolo
 
“LE MANI DEL MAGO
Sergio Viganò il massaggiatore dei Campioni ”
 
 di Massimo Brusasco
 
Presso CENTO GRIGIO
 Via Edoardo Bonardi , 25  – 15121 Alessandria
 
Venerdì 25 giugno 2021  alle ore 18,30
 
 
 
 
Fabrizio PRIANO 
Presidente dell’Associazione Culturale  Libera Mente-Laboratorio di idee commenta:
“Ricominciare a presentare libri dopo la lunga chiusura forzata dovuta alla pandemia e’ un bel modo per ritrovare la normalità.
Il fatto poi di presentare un libro scritto da un amico come Massimo Brusasco di cui ho già avuto modo di presentare libri nel passato con grande successo, dovuto alla sua innata simpatia oltre che alla sua bravura nello scrivere è un altro aspetto molto positivo.
Il libro che presentiamo parla di Sergio Vigano’, un grande personaggio Alessandrino e grande uomo di sport, con un curriculum straordinario ed è la ciliegina sulla torta, finalmente si riparte e lo si fa con due amici di grande valore.”
 
 
 
LE MANI DEL MAGO
di Massimo Brusasco
Sergio Giosuè Viganò, classe 1941, è stato uno dei più importanti massofisioterapisti del calcio italiano, anche se il calcio italiano non lo sa. O meglio: non lo sa il grande pubblico, perché gli atleti, compresi campioni di primissimo piano,  ben conoscono le virtù di quest’uomo dal vocione imponente e dalla tecnica innovativa.
Molti di loro erano soliti rivolgersi a lui malgrado fosse alle dipendenze  di altre squadre. E c’è chi continua a farlo, raggiungendo Lu, il paese del Monferrato dove Viganò, nativo di Garbagnate, nel Milanese, s’è trasferito convinto da  un cuoco, diventato il suo amico più fidato. Oltre a Roberto Mancini, s’intende. Sì, perché è il tecnico della Nazionale e Viganò  formano un binomio quasi indissolubile. Si sono conosciuti per caso, non si sono più lasciati. Mancini ha voluto con sé Viganò come massaggiatore alla Sampdoria (quella che vinse lo scudetto e arrivò in finale in Champions League), poi alla Lazio. E quando è diventato tecnico della formazione biancazzurra, ha preteso il suo sodale nello staff. Stessa cosa all’Inter, poi al Manchester City, poi ancora all’Inter…
Viganò ha vissuto stagioni memorabili. Ha massaggiato il meglio dei calciatori europei, instaurando straordinari rapporti con Vialli, Mihailovic, Lombardo, Tevez, Platt, Montella, Gregucci, che lo considera un secondo padre. Ha lavorato con Gullit, Ibrahimovic e Ronaldo il fenomeno. Ha vinto talmente tanto che lui neanche si ricorda… 
Figlio di un massaggiatore scudettato (il padre Luigi, col Cagliari nel 1970), Viganò ha un curriculum straordinario in cui fa capolino  addirittura Giovanni Paolo II.
“Le mani del mago” racconta la vita di un uomo tutt’altro che perfetto, ma protagonista dietro le quinte dove, decisivo per accelerare i tempi di recupero dei calciatori, è stato sempre molto apprezzato. E’ anche un libro sull’amicizia, a cominciare da quella con Mancini. Che di lui dice: “Ho un sogno: portarlo con me  in Nazionale e vincere insieme  gli Europei del 2020”.
 
Il libro include interviste a nomi celebri del calcio italiano, a cominciare da Roberto Mancini, commissario tecnico della Nazionale di calcio.
 
Sergio Viganò, classe 1941, è uno dei massaggiatori e fisioterapisti più noti d’Italia. Lombardo di Garbagnate, da tempo abita a Lu Monferrato.  Dopo molti anni nello staff dell’Alessandria Calcio, Viganò si è imbattuto (tra vari calciatori che ha assistito…) in Roberto Mancini, attuale ct della Nazionale. E’ nato un sodalizio straordinario: Viganò ha seguito Mancini (prima calciatore, poi allenatore) alla Sampdoria, alla Lazio, all’Inter e al Manchester City. Ovunque ha vinto lo scudetto. Viganò ha lavorato col meglio del calcio mondiale, da Ronaldo a Gullit, da Tevez a Ibrahimovic, da Vialli ad Aguero…

 
L’AUTORE
Massimo Brusasco, classe 1970, giornalista professionista, ha pubblicato libri e vinto concorsi letterari. Autore Siae, scrive anche per il teatro e il cabaret. Conduce trasmissioni radiofoniche e il talk show teatrale ‘Il salotto del mandrogno’. Dal 2005 si racconta sul sito http://www.massimobrusasco.it
 

 
 
 

 
 
 

 
 
 
 
 
 
 


 
Venerdì 25 giugno 2021  alle ore 18,30
 
 
 
 
Fabrizio PRIANO 
Presidente dell’Associazione Culturale  Libera Mente-Laboratorio di idee commenta:
“Ricominciare a presentare libri dopo la lunga chiusura forzata dovuta alla pandemia e’ un bel modo per ritrovare la normalità.
Il fatto poi di presentare un libro scritto da un amico come Massimo Brusasco di cui ho già avuto modo di presentare libri nel passato con grande successo, dovuto alla sua innata simpatia oltre che alla sua bravura nello scrivere è un altro aspetto molto positivo.
Il libro che presentiamo parla di Sergio Vigano’, un grande personaggio Alessandrino e grande uomo di sport, con un curriculum straordinario ed è la ciliegina sulla torta, finalmente si riparte e lo si fa con due amici di grande valore.”
 
 
 
LE MANI DEL MAGO
di Massimo Brusasco
Sergio Giosuè Viganò, classe 1941, è stato uno dei più importanti massofisioterapisti del calcio italiano, anche se il calcio italiano non lo sa. O meglio: non lo sa il grande pubblico, perché gli atleti, compresi campioni di primissimo piano,  ben conoscono le virtù di quest’uomo dal vocione imponente e dalla tecnica innovativa.
Molti di loro erano soliti rivolgersi a lui malgrado fosse alle dipendenze  di altre squadre. E c’è chi continua a farlo, raggiungendo Lu, il paese del Monferrato dove Viganò, nativo di Garbagnate, nel Milanese, s’è trasferito convinto da  un cuoco, diventato il suo amico più fidato. Oltre a Roberto Mancini, s’intende. Sì, perché è il tecnico della Nazionale e Viganò  formano un binomio quasi indissolubile. Si sono conosciuti per caso, non si sono più lasciati. Mancini ha voluto con sé Viganò come massaggiatore alla Sampdoria (quella che vinse lo scudetto e arrivò in finale in Champions League), poi alla Lazio. E quando è diventato tecnico della formazione biancazzurra, ha preteso il suo sodale nello staff. Stessa cosa all’Inter, poi al Manchester City, poi ancora all’Inter…
Viganò ha vissuto stagioni memorabili. Ha massaggiato il meglio dei calciatori europei, instaurando straordinari rapporti con Vialli, Mihailovic, Lombardo, Tevez, Platt, Montella, Gregucci, che lo considera un secondo padre. Ha lavorato con Gullit, Ibrahimovic e Ronaldo il fenomeno. Ha vinto talmente tanto che lui neanche si ricorda… 
Figlio di un massaggiatore scudettato (il padre Luigi, col Cagliari nel 1970), Viganò ha un curriculum straordinario in cui fa capolino  addirittura Giovanni Paolo II.
“Le mani del mago” racconta la vita di un uomo tutt’altro che perfetto, ma protagonista dietro le quinte dove, decisivo per accelerare i tempi di recupero dei calciatori, è stato sempre molto apprezzato. E’ anche un libro sull’amicizia, a cominciare da quella con Mancini. Che di lui dice: “Ho un sogno: portarlo con me  in Nazionale e vincere insieme  gli Europei del 2020”.
 
Il libro include interviste a nomi celebri del calcio italiano, a cominciare da Roberto Mancini, commissario tecnico della Nazionale di calcio.
 
Sergio Viganò, classe 1941, è uno dei massaggiatori e fisioterapisti più noti d’Italia. Lombardo di Garbagnate, da tempo abita a Lu Monferrato.  Dopo molti anni nello staff dell’Alessandria Calcio, Viganò si è imbattuto (tra vari calciatori che ha assistito…) in Roberto Mancini, attuale ct della Nazionale. E’ nato un sodalizio straordinario: Viganò ha seguito Mancini (prima calciatore, poi allenatore) alla Sampdoria, alla Lazio, all’Inter e al Manchester City. Ovunque ha vinto lo scudetto. Viganò ha lavorato col meglio del calcio mondiale, da Ronaldo a Gullit, da Tevez a Ibrahimovic, da Vialli ad Aguero…

 
L’AUTORE
Massimo Brusasco, classe 1970, giornalista professionista, ha pubblicato libri e vinto concorsi letterari. Autore Siae, scrive anche per il teatro e il cabaret. Conduce trasmissioni radiofoniche e il talk show teatrale ‘Il salotto del mandrogno’. Dal 2005 si racconta sul sito http://www.massimobrusasco.it
 

 
 
 

 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

                     
 
 
 
Fabrizio PRIANO
Presidente dell’Associazione Culturale Libera Mente-Laboratorio di Idee
INVITA
(nel rispetto della normativa vigente sul distanziamento sociale contro la diffusione del Covid-19)
alla presentazione del libro dal titolo
 
“LE MANI DEL MAGO
Sergio Viganò il massaggiatore dei Campioni ”
 
 di Massimo Brusasco
 
Presso CENTO GRIGIO
 Via Edoardo Bonardi , 25  – 15121 Alessandria
 
Venerdì 25 giugno 2021  alle ore 18,30
 
 
 
 
Fabrizio PRIANO 
Presidente dell’Associazione Culturale  Libera Mente-Laboratorio di idee commenta:
“Ricominciare a presentare libri dopo la lunga chiusura forzata dovuta alla pandemia e’ un bel modo per ritrovare la normalità.
Il fatto poi di presentare un libro scritto da un amico come Massimo Brusasco di cui ho già avuto modo di presentare libri nel passato con grande successo, dovuto alla sua innata simpatia oltre che alla sua bravura nello scrivere è un altro aspetto molto positivo.
Il libro che presentiamo parla di Sergio Vigano’, un grande personaggio Alessandrino e grande uomo di sport, con un curriculum straordinario ed è la ciliegina sulla torta, finalmente si riparte e lo si fa con due amici di grande valore.”
 
 
 
LE MANI DEL MAGO
di Massimo Brusasco
Sergio Giosuè Viganò, classe 1941, è stato uno dei più importanti massofisioterapisti del calcio italiano, anche se il calcio italiano non lo sa. O meglio: non lo sa il grande pubblico, perché gli atleti, compresi campioni di primissimo piano,  ben conoscono le virtù di quest’uomo dal vocione imponente e dalla tecnica innovativa.
Molti di loro erano soliti rivolgersi a lui malgrado fosse alle dipendenze  di altre squadre. E c’è chi continua a farlo, raggiungendo Lu, il paese del Monferrato dove Viganò, nativo di Garbagnate, nel Milanese, s’è trasferito convinto da  un cuoco, diventato il suo amico più fidato. Oltre a Roberto Mancini, s’intende. Sì, perché è il tecnico della Nazionale e Viganò  formano un binomio quasi indissolubile. Si sono conosciuti per caso, non si sono più lasciati. Mancini ha voluto con sé Viganò come massaggiatore alla Sampdoria (quella che vinse lo scudetto e arrivò in finale in Champions League), poi alla Lazio. E quando è diventato tecnico della formazione biancazzurra, ha preteso il suo sodale nello staff. Stessa cosa all’Inter, poi al Manchester City, poi ancora all’Inter…
Viganò ha vissuto stagioni memorabili. Ha massaggiato il meglio dei calciatori europei, instaurando straordinari rapporti con Vialli, Mihailovic, Lombardo, Tevez, Platt, Montella, Gregucci, che lo considera un secondo padre. Ha lavorato con Gullit, Ibrahimovic e Ronaldo il fenomeno. Ha vinto talmente tanto che lui neanche si ricorda… 
Figlio di un massaggiatore scudettato (il padre Luigi, col Cagliari nel 1970), Viganò ha un curriculum straordinario in cui fa capolino  addirittura Giovanni Paolo II.
“Le mani del mago” racconta la vita di un uomo tutt’altro che perfetto, ma protagonista dietro le quinte dove, decisivo per accelerare i tempi di recupero dei calciatori, è stato sempre molto apprezzato. E’ anche un libro sull’amicizia, a cominciare da quella con Mancini. Che di lui dice: “Ho un sogno: portarlo con me  in Nazionale e vincere insieme  gli Europei del 2020”.
 
Il libro include interviste a nomi celebri del calcio italiano, a cominciare da Roberto Mancini, commissario tecnico della Nazionale di calcio.
 
Sergio Viganò, classe 1941, è uno dei massaggiatori e fisioterapisti più noti d’Italia. Lombardo di Garbagnate, da tempo abita a Lu Monferrato.  Dopo molti anni nello staff dell’Alessandria Calcio, Viganò si è imbattuto (tra vari calciatori che ha assistito…) in Roberto Mancini, attuale ct della Nazionale. E’ nato un sodalizio straordinario: Viganò ha seguito Mancini (prima calciatore, poi allenatore) alla Sampdoria, alla Lazio, all’Inter e al Manchester City. Ovunque ha vinto lo scudetto. Viganò ha lavorato col meglio del calcio mondiale, da Ronaldo a Gullit, da Tevez a Ibrahimovic, da Vialli ad Aguero…

 
L’AUTORE
Massimo Brusasco, classe 1970, giornalista professionista, ha pubblicato libri e vinto concorsi letterari. Autore Siae, scrive anche per il teatro e il cabaret. Conduce trasmissioni radiofoniche e il talk show teatrale ‘Il salotto del mandrogno’. Dal 2005 si racconta sul sito http://www.massimobrusasco