Foto da Google

https://www.google.com/amp/s/donna.fanpage.it/quando-iniziano-i-saldi-estivi-2021-le-date-regione-per-regione/amp/

Ecco il calendario dei saldi estivi regione per regione. A differenza dello scorso anno, quando l’emergenza sanitaria aveva determinato un insolito slittamento delle date ad agosto, quest’anno si comincia a luglio da nord a sud del Paese. La data ufficiale di inizio dei saldi è giovedì 1° luglio in Sicilia.

saldi estivi 2021 cominceranno l’1 luglio in Sicilia, che farà da aprifila. Sarà poi la volta della Basilicata il 2 luglio e a seguire tutte le altre regioni il 3 luglio. Fa eccezione la Puglia, che ha posticipato il tutto al 24 luglio. Discorso diverso anche per il Trentino Alto Adige, dove i commercianti determinano liberamente i periodi in cui effettuare i saldi. Manca all’appello nel calendario di Federazione Moda Italia la Campania, che non ha ancora comunicato una data ufficiale di inizio. La situazione è molto diversa da quella dello scorso anno, quando dopo mesi di chiusura forzata dei negozi si era deciso di rimandare i saldi estivi di un mese, spostandoli ad agosto in tutto il Paese, quindi in ritardo rispetto a quanto avviene di consueto. Quest’anno si ritorna però alle vecchie abitudini, ma sempre nel rispetto delle norme di sicurezza.

Saldi estivi 2021, il calendario regione per regione

Ecco il calendario dei saldi estivi 2021, con le date ufficiali di inizio regione per regione:https://74787012fb983f969e2821142f448bf9.safeframe.googlesyndication.com/safeframe/1-0-38/html/container.html?n=0

  • Sicilia: giovedì 1 luglio
  • Basilicata: venerdì 2 luglio
  • Lazio: sabato 3 luglio
  • Calabria: sabato 3 luglio
  • Lombardia: sabato 3 luglio
  • Piemonte: sabato 3 luglio
  • Liguria: sabato 3 luglio
  • Veneto: sabato 3 luglio
  • Marche: sabato 3 luglio
  • Abruzzo: sabato 3 luglio
  • Emilia-Romagna: sabato 3 luglio
  • Umbria: sabato 3 luglio
  • Toscana: sabato 3 luglio
  • Valle d’Aosta: sabato 3 luglio
  • Friuli-Venezia Giulia: da sabato 3 luglio
  • Sardegna: sabato 3 luglio
  • Molise: sabato 3 luglio
  • Puglia: sabato 24 luglio
  • Trentino-Alto Adige: qui i saldi estivi inizieranno nella maggior parte dei comuni venerdì, 16 luglio, mentre nei comuni turistici venerdì 13 agosto
  • Campania: da definire

Norme di sicurezza durante i saldi estivi 2021

Chiarezza e tranquillità: erano queste le parole chiave fornite da Confcommercio l’anno scorso, in merito alle iniziative promosse sul territorio nazionale da Federazione Moda Italia. E sono termini validi ancora, anche per i saldi estivi 2021, che necessitano ugualmente di svolgersi in un clima di sicurezza e trasparenza. Il Covid-19 ha certamente modificato le abitudini: tantissimi hanno scoperto o incrementato i loro acquisti online, ma sono cambiate anche le modalità di accesso ai negozi. Anche quest’anno ci saranno dei protocolli da rispettare, per tutelare negozianti e clienti: dunque il distanziamento sarà ancora valido all’interno dei punti vendita così come l’obbligo di mantenere la mascherina e di disinfettare le mani all’ingresso.

I consigli sempre validi

La tentazione di acquistare è forte, soprattutto quando i cartellini espongono prezzi convenienti e decisamente più bassi rispetto al solito. Ma questo deve comunque attivare un campanello d’allarme e non far calare l’attenzione su possibili truffe. Il rischio di fare acquisti sbagliati o ritrovarsi nel carrello con prodotti di cui non si ha poi effettivamente bisogno, va scongiurato. Per questo innanzitutto è sempre bene informarsi (prima dell’inizio dei saldi) circa i prezzi dei prodotti che ci interessano, per poter poi verificare che siano venduti davvero a prezzo ribassato e conveniente. Un altro fattore da considerare è se ciò che colpisce la nostra attenzione fa parte di una collezione nuova, o se è qualcosa avanzato in magazzino o di collezioni passate. Attenzione anche ai capi difettosi. Provare i capi è a discrezione del negoziante, ma non è rischioso dal punto di vista sanitario. Come ha spiegato il virologo Fabrizio Pregliasco, a proposito dei camerini: “È il luogo che necessita maggiore attenzione. Bene o male ci entrano molte persone che toccano le stesse superfici: a volte ci si siede, magari svestiti, e si indossano capi che altri hanno toccato prima di noi. Sicuramente serve una buona sanificazione. La cosa più importante è lavare spesso le mani. Sono loro il veicolo di trasmissione“. Avere le idee chiare quando si entra in negozio è essenziale per non lasciarsi influenzare e perché no, dato il periodo di crisi anche darsi un budget potrebbe essere d’aiuto per tenere a freno lo shopping compulsivo.