Coldiretti Alessandria

Comunicato n. 168/2021

Sempre nel rispetto del distanziamento cambiano le regole ma la variante Delta fa paura

Covid: estate, stop obbligo mascherina all’aperto ma per 8 su 10 serve cautela

Agriturismi e fattorie tra i luoghi più sicuri: la campagna è diventata la meta preferita dopo il mare

Da oggi Italia tutta zona bianca e stop all’obbligo di indossare la mascherina all’aria aperta nel rispetto del distanziamento.

Più di otto italiani su dieci (82%) però non la abbandoneranno e dichiarano che la indosseranno spesso o sempre per garantirsi una protezione contro i rischi di una ripresa dei contagi, soprattutto nelle zone affollate.

Il dato emerge da un’indagine Coldiretti/Ixe’ dalla quale si evidenzia che solo un 15% della popolazione pensa di usarla qualche volta o raramente mentre un irriducibile 3% dice mai.

“La presenza di un numero elevato di persone non vaccinate, le notizie sulla contagiosità della variante Delta ma anche l’abitudine e il senso di protezione spingono la maggioranza delle persone ad agire con cautela anche durante l’estate”, ha sottolineato il Presidente Coldiretti Alessandria Mauro Bianco.

La conferma viene dal fatto che oltre sei su dieci (63%) sono disposti a spostare le ferie pur di farsi iniettare la prima o la seconda dose di vaccino, con la paura per il Covid che è più forte della voglia di relax: la tutela della salute resta la priorità con solo il 23% che preferisce rimandare il vaccino pur di godersi le ferie, mentre il restante 8% è indeciso.

Resta il fatto, secondo un’analisi Coldiretti su dati Istat, che anche quest’anno l’emergenza coronavirus ha condizionato la scelta del luogo per il 49% (quasi uno su due) di chi va in vacanza: non a caso ben il 33% dei vacanzieri resterà all’interno della propria regione, e solo il 6% prevede di andare all’estero. Il restante 61% si recherà in una regione diversa da quella di residenza.

“Lo stop dell’obbligo di usare le mascherine all’aria aperta è importante soprattutto – ha aggiunto il Direttore Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo – per chi lavora in campagna dove gran parte delle attività vengono svolte all’aria aperta, con la possibilità di rispettare le distanze. Anche per questo motivo la campagna è diventata la seconda meta delle vacanze subito dopo il mare facendo cambiare i programmi di una fetta consistente della popolazione. Infatti, situate spesso in aree isolate e con ampi spazi all’aperto, gli agriturismi e le fattorie italiane sono tra i luoghi più sicuri per difendersi dal contagio.”

Alessandria, 28 giugno 2021