Amici, condivido con voi una mia poesia tradotta in dialetto napoletano, che adoro, dal mio amico Cono Federico.

“ ‘Ntramente ca cantane l’aucielli,
antica femmena de iuglio,
te muove miezo a re faiddre de e zicale,
li mane toie, vuolu curtu de le puddrare,
finiscine ‘ntru ‘o tiempo ca finisce
ppe annijà a gorgia de li cristiani d’ê belle parole,
d’ô prevete perfiettu, addurmuto ‘nguollo a ‘o vantu.
I sciuri ‘e carta cu mille pitture
vestene parole,
uscio de ‘ngiùcio
ca allucca a ‘o viento:
Nun si’ fatta ppe ‘sto tiempo.”

Mentre cantano i passeri,
antica donna di luglio,
ti muovi fra le scintille di ciccale,
le tue mani, volo breve di farfalle,
finiscono nel tempo che finisce
per smentire la gola umana
dei dischi a effetto,
del parroco perfetto,
addormentato sulle lodi.
I fiori di carta
con mille colori
vestono parole
soffiate di pettegolezzi
urlanti al vento:
“Non sei fatta per questo tempo! “.

Yuleisy Cruz Lezcano