Articolo di Valeria Bianchi Mian

Tripudio creativo, quasi un atto psicomagico che risveglia una community; impegno che allena e nutre la creatività di un artista ma si riverbera ovunque intorno a lui. Ludovico Van chi è? E che cosa fa? Pittore che vive e lavora a Napoli, Van-dalizza volti a partire da fotografie che gli utenti di Facebook gli inviano affinché lui possa cogliere un’espressione chiave e rendere i lineamenti, i colori, lo sguardo di ognuno una piccola opera d’arte, una raccolta di facce, volti unici di un mondo super vivace. Altro che App, qui c’è solo arte.

Ed è certamente un dono di sé, un mettersi in gioco entrando nell’Altro, guardando e ascoltando le peculiarità di individui che nella rete si confondono e si differenziano; è interpretazione dell’anima bella che abita anche nei Social, collettività che respira e pulsa dietro la tastiera. È intreccio di relazioni.

Il progetto, che è nato un po’ per gioco, si è strutturato nei mesi fino al raggiungimento del primo anno di età.

Buon compleanno Face-Van, Van-landia!

Scrive l’autore: “Il 29 Giugno feci il primo ritratto ad un contatto Facebook sconosciuto e d’allora non ho più smesso. Oltre ottocento acquerelli su foglio in un anno. In questo progetto artistico ho messo la mia gioia profonda e il mio amore per la vita, ostinato. È una prova fisica ma soprattutto mentale; aprirsi all’umanità, anche se con il filtro del virtuale, ha i suoi rischi, ma l’amore e il bene hanno dominato. Ho cercato di essere cortese con tutti ma ho i miei limiti e alcune volte non ci sono riuscito. L’energia che ho dato è anche tornata. Poi è arrivata la mia Naty che oltre all’amore mi ha dato in alcuni momenti la forza di non mollare, sempre crede nel mio progetto e nel mio essere puro, troppo puro forse da sentirmi solo al mondo. È stato un anno di pandemia duro, ma a mio modo per immagini ho raccontato volti, miti, sogni, contaminazioni, ho messo il cuore sui vostri occhi e altro. Tanti mi chiedono cosa farai di questi acquerelli, non lo so, ma so che tutti insieme sono di una bellezza indescrivibile, nonostante tutti i miei limiti tecnici. La cattiveria e l’invidia non hanno sole per la mia pelle bruciata dalla vita. Io continuo e ci credo sempre di più nella forza dei miei colori. Grazie a tutti quelli che fino adesso hanno partecipato, un bacio che vi dia fortuna e amore…”

Ritratto dell'artista e altre facce Van-dalizzate...

SCRIVIMI: dott.ssavaleriabianchimian@gmail.com | Lettere alla Psicologa