Barbara Rossi, La Voce della Luna, Associazione di cultura cinematografica e umanistica, Alessandria

Motivo conduttore della prima “Notte Rosa” di Alessandria – organizzata dall’Associazione “Attività e Commercio del Quartiere Cristo” e dalla Consulta Pari Opportunità della Città di Alessandria con il Comune di Alessandria – in programma dal 12 al 17 luglio prossimi, è la Settima Arte in tutte le sue sfumature. Sarà un’autentica “Settimana da Cinema – aspettando la Notte Rosa”, a cui l’Associazione DIVA, che si occupa di informazione, orientamento, sensibilizzazione e formazione su problemi e sfide dei nostri giorni, con un particolare sguardo sul mondo femminile, l’Associazione di cultura cinematografica e umanistica La Voce della Luna in collaborazione con FIC (Federazione Italiana Cineforum) e l’Associazione Culturale “Amici ed ex Allievi L.S. Galileo Galilei APS sono liete di partecipare lunedì 12 luglio con la proiezione gratuita del film della regista Mona Achache “Il riccio” (2009), tratto dal celebre romanzo di Muriel Barbery “L’eleganza del riccio” (2006).

L’evento – nato da un’idea del nuovo Circolo di lettura organizzato dalla Voce della Luna – intreccerà suggestioni cinematografiche e letterarie, proponendosi di esplorare alcune sfaccettature del femminile attraverso il racconto intimista e delicato posto in essere sia dal libro della scrittrice francese che dalla relativa trasposizione cinematografica.

La proiezione avrà luogo – nel rispetto delle norme sanitarie in vigore – presso la SOMS di Alessandria, Corso Acqui 198, con inizio alle ore 21, e verrà introdotta da Barbara Rossi, film educator, studiosa di cinema e presidente della Voce della Luna. Sarà presente per dialogare con il pubblico anche Mariavittoria Delpiano, presidente dell’ Associazione Culturale “Amici ed ex Allievi L.S. Galileo Galilei APS.  

Info: www.voceluna.altervista.orgwww.ipiufragilitraipiudeboli.it

FB://VoceLuna/; FB://www.facebook.com/ipiufragilitraipiudeboli/

Parigi, rue de Grenelle, 7. Renée Michel, la portinaia di uno stabile abitato esclusivamente dall’alta borghesia, sembra essere il prototipo della sua categoria: è infatti una donna grassa, sciatta e teledipendente. Renée però nasconde un segreto che nessuno sospetta: in realtà è una donna coltissima interessata all’arte, alla letteratura e alla musica e ha una predilezione spiccata per tutto ciò che è giapponese. Nello stesso palazzo abita Paloma Josse, una ragazzina di 12 anni dall’intelligenza straordinaria che però ha deciso di suicidarsi il 16 giugno, giorno del suo tredicesimo compleanno. Nel frattempo, Paloma si comporta come le sue coetanee e, mentre osserva critica tutto ciò che la circonda, si finge una ragazzina mediocre e interessata alla vita. Sarà l’enigmatico monsieur Ozu, un ricco giapponese, a farle incontrare e a cambiare il corso delle loro vite…