Matrisciano-Sacco (M5S): “Strada del vino GranMonferrato” passo importante per il territorio, a settembre il Ministro Patuanelli in visita alle nostre eccellenze.

Acqui Terme, 9 luglio 2021 – «In un territorio dalle tante ricchezze e potenzialità, il vino è sicuramente il nostro fiore all’occhiello ed è importante che tutti gli attori coinvolti uniscano le forze per valorizzarlo al meglio. Il progetto presentato oggi va proprio in questa direzione e testimonia capacità di fare rete e lungimiranza, con l’obiettivo di rilanciare l’enoturismo e creare nuova occupazione, in un settore che a livello nazionale dà già lavoro a circa 1,3 milioni di persone. È un’iniziativa che guarda al futuro, per questo ritengo particolarmente significativo il coinvolgimento dei giovani studenti degli istituti superiori dell’acquese, dell’ovadese e del casalese, che daranno il loro contributo per far crescere i luoghi in cui vivono» così Susy Matrisciano, Presidente della Commissione Lavoro del Senato, a margine della conferenza stampa di presentazione del progetto “Strada del vino GranMonferrato”, che unisce tre enoteche regionali (Acqui Terme, Casale Monferrato ed Ovada), lungo un itinerario di 665 km.

«Nonostante le difficoltà dovute alla pandemia, nel 2020 l’Italia si è ripresa la leadership mondiale sull’esportazione a volume del vino e l’alessandrino, da sempre, gioca un ruolo importante. Dobbiamo esserne fieri – aggiunge la senatrice Matrisciano – Per questo, ho invitato personalmente il Ministro per le politiche agricole, Stefano Patuanelli, a visitare il nostro territorio. A settembre sarà qui per conoscere più da vicino le nostre eccellenze agricole.»

«Complimenti ai sindaci che hanno aderito a questa iniziativa, che rappresenta un progetto complessivo di sviluppo del territorio, puntando anche su aspetti, come il cicloturismo, che segnano un nuovo approccio, all’insegna della sostenibilità ambientale – aggiunge il consigliere regionale Sean Sacco –Il settore enologico italiano ha retto meglio rispetto agli altri paesi europei soprattutto sul mercato estero, nonostante le fasi di chiusura del canale horeca causate dalla pandemia. Vale la pena ricordare che sull’export il Piemonte è medaglia d’argento, secondo solo al Veneto e seguito dalla Toscana ed è l’unica regione tra le tre che, a valore, sull’export ha segnato una crescita del 2,6% nel 2020, anno pesantissimo per ogni comparto produttivo. Un dato importante, che ci consente di guardare al futuro con un certo ottimismo.»

Foto Susy Matrisciano: https://drive.google.com/file/d/11HbpPeE6D7VA7MSYPDz_WDEXLjy1olF9/view?usp=sharing

Per informazioni:

Sonia Fogagnolo

Supporto Comunicazione Senatrice Susy Matrisciano

Tel. 339-8563480