Incontrarti, di Luigi Gilio 

Incontrarti

Incontrarti sarà un rifugio sicuro, sarà ancora quel tempo distratto con le emozioni strette al petto, con tutte le incognite che sventolano e non hanno risposte, con quel concerto di  semplici note storte. 

Non è certo che succede ancora, le nebbie e le piogge nevose sono troppe, le cose che restano non basteranno a fargli spazio e quello che più lascia un sapore amaro è, che tu lo sai e non verrai. 

Tu che sei stella, sei leone, un fiore che non muore; tu che sei acqua, sei cuore, un cielo pieno di colori; tu che sei l’unica ragione, sei pietra dura, un grande e unico amore, inventati un incontro e lascia che il resto si dissolva nell’aria e faccia segni a tutti per un altra storia. 

Incontrarti sarà un modo per lasciare questa trappola, sarà sentirsi liberi in un cielo diverso e tutti a ballare sotto le stelle, con il rumore che fa bene al cuore, ma tu lo sai e non verrai.