Tra prosa e poesia, di Vania Lauri

#mercoledipoesia

Tra prosa e poesia.

Per la poesia bisogna librarsi e io questa mattina preferisco stare a mezzo.

Un passo dopo l’altro

Il profumo acre del bosso

guida il cammino

tra la fede illusoria di un edicola lignea e

l’incessante  frinir di cicale.

Un campanaccio marca il territorio di un lento ruminar bovino,

Il fresco scroscio di un rio

inganna l’afa di pensieri disturbati.

Seguo l’aleggiare scomposto di variopinte farfalle dal destino fugace,

 mentre i rintocchi di un campanile mi riportano ad un cerimoniale familiare, 

ad antiche rimembranze d’incenso e di genuflessioni.

Un passo dopo l’altro

la meta mi coglie di sorpresa