In Russia record di 752 morti in 24 ore

L’ondata di positivi spinta dalla contagiosa variante Delta fa paura in Europa, costringendo i Paesi a fare marcia indietro sulle aperture per poter contenere i focolai in crescita. In Spagna, la Catalogna ha chiuso le discoteche e altri locali notturni nel fine settimana, e sarà necessario esibire un certificato vaccinale per poter accedere a qualunque evento all’aperto che coinvolga più di 500 persone. Una misura che rischia di compromettere la stagione turistica fondamentale per la comunità catalana, importante meta delle vacanze estive.

Anche in Olanda, il premier Mark Rutte ha annunciato una serie di nuove misure restrittive, tra le quali la chiusura di tutte le discoteche e dei ristoranti a mezzanotte, di fronte al nuovo picco di infezioni che vive il Paese: sabato sono state oltre 10 mila, un record giornaliero da Natale.

«La pandemia non è finita e abbiamo ancora segmenti significativi della popolazione che non hanno ricevuto il vaccino», ha spiegato Patricia Plaja, portavoce della Generalitat catalana, annunciando le nuove restrizioni per la comunità. A preoccupare maggiormente sono i casi tra i giovani: il ministero della Salute spagnolo ha riferito che la trasmissione del coronavirus in questa fascia di popolazione è raddoppiata in sette giorni.Nei Paesi Bassi la nuova ondata di contagi ha spinto il governo a fare marcia indietro sull’allentamento delle restrizioni, mentre sabato sono stati 10.345 i nuovi contagi, il massimo giornaliero registrato da Natale.

La media giornaliera dei contagi è ora 7,5 volte più alta rispetto a undici giorni fa, quando la cifra aveva toccato un punto basso dopo la terza ondata di contagi… continua su: https://www.lastampa.it/esteri/2021/07/10/news/la-variante-delta-fa-paura-nuove-chiusure-in-spagna-e-olanda-1.40484336