Mi sveglio all’alba, un attimo prima
viola blu azzurro giallo
bianco è l’intimo pensiero
fresco il fiore che nasce a primavera.

Percorro la solita strada ma non è la stessa
a volte mi perdo e poi mi confondo
stavolta rallento e non cerco più nulla.

I vivi colori rammentano l’ardente estate
ma in autunno sono così cambiati
li sento vicini mi fondo con loro divento tutt’uno
il cielo limpido è immobile sopra di me.

Cambierò come allora
i pezzi che si aggiungono a me creano il pensiero del mattino che fin qui mi ha accompagnata.
E’ tenerezza infinita.

I ricordi diventano il presente che fa parte di me diventata
forte limpido acceso come un fascio di luce che squarcia il cielo.

https://nondefinitivounderconstruction.wordpress.com/