Il Movimento Progetto Piemonte aderisce alla Campagna per la Giustizia giusta ed invita a firmare per le sei proposte referendarie

Il Movimento Progetto Piemonte si schiera decisamente a favore dell’iniziativa promossa a livello nazionale dal Partito Radicale e dalla Lega per una ‘Giustizia Giusta’. Il presidente Massimo Iaretti, consigliere comunale a Villamiroglio e Luigi Cabrino, consigliere comunale a San Giorgio Monferrato hanno firmato sabato scorso a Casale Monferrato per tutti i sei referendum: riforma del Consiglio Superiore della Magistratura, Responsabilità diretta della Magistratura, Equa valutazione dei magistrati, Separazione delle carriere dei magistrati, Limiti agli abusi della custodia cautelare ed Abolizione del decreto Severino.  Il Movimento Progetto Piemonte ritiene che tutti i quesiti referendari siano assolutamente da sostenere e che qualunque sia il loro esito non vadano ad intaccare, anzi a rafforzare, quelle garanzie di indipendenza e di autonomia del Magistrato previste dalla Carta Costituzionale. “L’iniziativa referendaria – dice Massimo Iaretti – è anche uno stimolo al Parlamento a porre fine ad un dibattito che si protrae da anni e, naturalmente, deve essere uno stimolo per risolvere anche l’altro grande problema, quello della giustizia civile e dei suoi tempi eterni. Come Movimento Progetto Piemonte rivolgiamo un invito a tutti coloro che ci sono vicini, consiglieri comunali e non, aderenti a liste civiche ed al mondo autonomista, affinché sostengano con la firma di sottoscrizione questa campagna referendaria alla quale è prossima la nostra adesione, non escludendo anche di organizzare iniziative sul territorio”:

Massimo Iaretti

Presidente e Portavoce 

Movimento Progetto Piemonte