Eppure i muri hanno una voce
patina di calce che si staglia
nell’aria basculante
delle nostre febbri chiuse a chiave.

Qualche attimo e senti
che siamo statue, rinvenute
da stupefatte amenità
pronte a spartire il dolce e l’acre
dei vani sotterranei.

immagine dal web