Né bianco né viola (versi del 1939-1943)
con una prefazione in versi di Gianfranco Contini Lugano, Quaderni della «Collana di Lugano», 1944


Edizione di trenta poesie (solo sei passeranno nel L’ora del tempo del 1962), uscita come nono dei «Quaderni della collana di Lugano a cura di Pino Bernasconi» il 19 marzo 1944. Pino Bernasconi (Riva san Vitale 1904-1983), avvocato con studi a Roma, aveva in precedenza edito nella stessa collana la plaquette Finisterre. Versi del 1940-42 di Eugenio Montale (giugno 1943), cui farà seguito, nell’agosto del 1944, l’Umberto Saba di Ultime cose (Trieste 1935-1938). L’esordio poetico di Orelli avviene nel solco di una duplice lezione poetica, quella di Pascoli e di Ungaretti; ma presente, se pur più discreta, è fin dagli inizi l’influenza del perugino Sandro Penna (1906-1976)

http://www.giorgioorelli.com/poesia.html

https://it.wikipedia.org/wiki/Giorgio_Orelli