Bilancio settimanale dell’attività della polizia di stato nelle stazioni e sui treni in Piemonte e Valle d’Aosta

Durante la settimana appena trascorsa sono stati intensificati i servizi di prevenzione e vigilanza per una più incisiva azione di contrasto alla microcriminalità presso alcune stazioni non presidiate dal personale della Polizia Ferroviaria, con l’impiego di personale nelle ore pomeridiane e serali, anche a bordo treno.

Questi i risultati complessivi dal 16 al 22 agosto u.s. del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Piemonte e la Valle d’Aosta:

10 indagati, 3.396 persone controllate, di cui 693 con precedenti. 216 pattuglie impegnate nelle stazioni e 11 in abiti civili per attività antiborseggio. 52 i servizi di vigilanza a bordo treno per un totale di 132 convogli presenziati. 13 i servizi lungo linea e 19 di ordine pubblico. 

In particolare sul territorio provinciale:

Ad Alessandria, gli operatori hanno denunciato una 41enne italiana per minaccia e interruzione di pubblico servizio. La donna, priva di titolo di viaggio, a bordo di un treno regionale sulla tratta Torino- Genova, alla richiesta del capotreno di regolarizzare la propria posizione, ha ripetutamente aggredito con frasi minatorie il personale ferroviario. Giunto il convoglio in stazione, è stata identificata e denunciata dalla Polfer. A causa dell’atteggiamento ostile della donna il convoglio ha maturato 14 minuti di ritardo. 

A seguito di un’attività d’indagine, gli agenti, sempre ad Alessandria, hanno denunciato un 24enne ecuadoriano per molestie nei confronti di una 20enne italiana avvenute nei pressi del piazzale antistante la stazione. L’uomo, gravato da precedenti di polizia, è stato identificato e rintracciato 

grazie alla descrizione accurata della vittima e all’analisi delle immagini delle telecamere di sorveglianza.

Nell’ambito dell’operazione “Stazioni sicure”, promossa dal Servizio Polizia Ferroviaria a livello nazionale, nella giornata del 24 agosto u.s. gli agenti della Polfer hanno effettuato servizi di vigilanza nelle aree ferroviarie mirati al contrasto delle attività illecite e alla prevenzione di possibili azioni improntate all’illegalità, potenziando i dispositivi di controllo nelle stazioni, a bordo treni e lungo linea. A Tortona, un quarantaquattrenne marocchino è stato sanzionato per violazione al Regolamento di Polizia Ferroviaria, in quanto sorpreso mentre attraversava i binari ferroviari.