LA’ NEL GIARDINO DEI SALICI, di William Butler Yeats, tr. Roberto Sanesi

Recensione di Elvio Bombonato

LA’ NEL GIARDINO DEI SALICI

Fu là nei giardini dei salici che io e la mia amata ci incontrammo;

ella passava là per il giardino dei salici con i suoi piccoli piedi di neve.

M’invitò a prendere amore con calma,                                                                                                                                  come le foglie crescono sull’albero;

ma io, giovane e sciocco, non volli ubbidire al suo invito.

Fu in un campo sui bordi del fiume che io e la mia amata ci arrestammo,

e lei posò la sua mano di neve                                                                                                                                                sulla mia spalla inclinata.

M’invitò a prendere la vita con calma,                                                                                                                           come l’erba cresce sugli argini;

Ma io ero giovane e sciocco,  e ora sono pieno di lacrime.

William Butler Yeats, tr. Roberto Sanesi

Quando Maud, la “donna più bella di Dublino”, attrice teatrale, andò a trovarlo, Yeats si innamorò subito. Ma fu precipitoso, come dice nella poesia.  Il suo amore per Maud, contrastato e sofferto per l’incostanza di lei, durò tutta la vita.

ho rimesso questa poesia perché esprime una fase dell’innamoramento che tutti abbiamo vissuto.