SONY DSC

 

 Nella notte del 28 agosto, i Carabinieri di Ticineto, in collaborazione con i colleghi dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Casale, hanno arrestato in flagranza di reato un 49enne albanese per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. L’uomo, al culmine dell’ennesima lite scaturita per futili motivi di convivenza con la consorte, la percuoteva violentemente al volto. La malcapitata, costretta a fuggire in strada, riusciva a dare l’allarme ai Carabinieri, i quali, giunti rapidamente sul posto, le fornivano immediato soccorso. Medicata dai sanitari, alla donna veniva diagnosticato un lieve trauma cranico. I Carabinieri, una volta acquisita la denuncia dalla vittima, direttamente in ospedale a Casale, riuscivano a evidenziare un quadro familiare di violenze, soprusi e umiliazioni che duravano da anni, con la vittima che non aveva mai avuto la forza di denunciare, elementi che facevano scattare il cosiddetto “Codice Rosso”. Al termine delle formalità procedurali, l’arrestato è stato condotto presso la Casa Circondariale di Vercelli, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.