TRAIANO – il sogno immortale di Roma” & “EXTINCTION – Ultima luce” 

Incontro con l’autore Gianluca D’Aquino 

CASAL CERMELLI  Giovedì 2 settembre, alle ore 21.00, presso il salone delle ex scuole elementari, l’associazione “Insieme per leggere”, in collaborazione con la Pro Loco di Casal Cermelli, ospiterà lo scrittore D’Aquino Gianluca, che presenterà i suoi recenti romanzi “TRAIANO – il sogno immortale di Roma” e “EXTINCTION – Ultima luce”. 

Nel corso dell’evento, l’autore dialogherà con la scrittrice Silvia Vigliotti, addentrandosi nei temi della biografia romanzata dell’imperatore romano Marco Ulpio Traiano, ripercorrendone la vita e i grandi successi politici e militari, e dello scenario distopico, di stretta attualità al tempo del COVID-19, in cui è ambientato il recente “EXTINCTION – Ultima luce”, incentrato sulla diffusione di un virus che mette a rischio il perpetuarsi dell’umanità, scritto pochi mesi prima dello scoppio della tristemente nota crisi sanitaria. 

TRAIANO – il sogno immortale di Roma”, romanzo pluripremiato e finalista al celebre premio “Fiuggi Storia”, ripercorre la vita di Marco Ulpio Traiano, vissuto a cavallo fra il I e il II secolo, dall’infanzia ai grandi successi militari in Germania e in Dacia, fino allo scontro con i Parthi, ai confini dell’impero, dove nessuno era mai arrivato prima e oltre i quali nessuno fu più in grado di andare. Traiano restituì a Roma un senso di civiltà per molto tempo perduto e la portò in quella che sarà ricordata come l’età aurea, passando per le grandi riforme in ambito civile, amministrativo, economico e militare. Basata su solide fonti storiche, l’opera è al tempo stesso biografia e romanzo, e narra di intrighi, amori, amicizie e battaglie rivolgendosi a ogni genere di lettore. Il romanzo nasce dall’infatuazione dell’autore per gli studi sull’edificazione della Colonna Traiana condotti dall’amico scultore, di fama internazionale, Claudio Capotondi. 

– Marco Ulpio Traiano è passato alla storia come l’Optimus princeps di Roma – spiega l’autore – l’imperatore che interpretò il proprio ruolo come servitore di Roma, con l’umiltà dell’uomo del popolo, riuscendo a ottenere risultati mai raggiunti in tutti i campi della pubblica amministrazione dell’epoca, facendo di Roma la Capitale del Mondo. Nonostante siano trascorsi 1900 anni dalla sua morte, la memoria di Traiano risplende ancora nel cuore di Roma, come ci ricorda la colonna coclide eretta in suo nome da Apollodoro di Damasco. Traiano fu il principe di Roma e dei romani, che sostenne anche impegnando il personale patrimonio, consegnando ai cittadini dell’impero un benessere ampio e diffuso. Mi piace immaginare che quel tempo sia stato un sogno, forse troppo dolce e delicato per poter attraversare le epoche che ci hanno condotto ai giorni nostri. Sarebbe meraviglioso se quell’amministrazione così illuminata potesse essere davvero qualcosa di immortale, tanto da potersi applicare anche oggi, in quest’epoca così complessa per la politica e la società.