ilGiornale.it

L’unico strumento per fare pressing su chi non è ancora vaccinato sarà il green pass, da estendere a macchia d’olio a più categorie di lavoratori, a cominciare da chi sta in contatto diretto con il pubblico, fino all’estensione nel settore privato. Per l’obbligatorietà del vaccino, ventilata dal premier Mario Draghi, auspicata da molti esperti ma condizionata dal via libera delle agenzie regolatorie, c’è da aspettare. Non settimane, se va bene mesi, se va peggio anni.

Purtroppo, le buone intenzioni della politica si scontrano con i tempi della scienza. Ema, secondo quanto riferito al Giornale da una fonte di alto livello, «darà il via libera all’autorizzazione al commercio completo dei vaccini Pfizer e Moderna, come se fossero dei normali farmaci, tra un paio d’anni».

Dunque, nel 2023. L’ostacolo da superare nasce dai tempi che le aziende produttrici hanno concordato per concludere la sperimentazione clinica del vaccino. Pfizer, che produce il vaccino più gettonato al mondo e il preferito dagli italiani, si è impegnata a concludere lo studio di fase 3 tra ben 28 mesi circa. E l’azienda conferma.

A domanda del Giornale risponde che, «siccome lo studio di fase tre prevede il follow up dei partecipati per due anni, per la sua chiusura si parla del 2023». Moderna invece, per la fine degli studi, anticipa di un anno la concorrente: dicembre 2022.

Ma il suo vaccino è poco diffuso in Europa, e comunque i tempi rimangono lunghi. Potrebbero superare, paradossalmente, la durata dell’attuale pandemia. La sperimentazione clinica deve comunque rispettare i suoi tempi.

E l’ente regolatorio europeo si prenderà il tempo necessario per trasformare «l’autorizzazione condizionata», che attualmente è stata concessa a Pfizer e Moderna, in «autorizzazione piena», concessa valutando i rischi e benefici su dati completi forniti dalle aziende. Che non potranno essere presentati prima della fine della fase 3… continua su: Obbligo di vaccini, la frenata di Ema: “L’ok solo nel 2023”. Il piano d’emergenza per tagliare i tempi – ilGiornale.it