Piccolo paggio

la favola del mio corpo                                  
non oltrepassarla!

Segreto ti appariva               
come il sole e la pioggia

ti occorre ancora
distanza per vedermi             
giovane 
silenziosa                   
che si rinnova
in punta di piedi     
come sul far del giorno

Stupidamente segreta nell’animo     
la mia bocca cede                   
ritrosa
parole geometriche       
che vanno
anche oggi a farsi male           
su pensieri cerbiatti

Come allora
-ricordi?-         
sui   
banchi di scuola               
intarsiati d’inchiostro

sempre quelle favole             
che paralizzavano leggere   
la storia del mondo
quando ancora         
non c’era il mondo
ma solo il mio corpo

un minuscolo spunto in un dovechissà             
che ti toccava

perché tu invece   
c’eri     
e stavi lì segreto
di me tua regina       
innamorato

Contiene un'immagine di: {{ pinTitle }}