https://parcodeinebrodi.blogspot.com/2021/09/giornata-mondiale-senza-sacchetti-di_12.html

Ne troviamo ovunque, dentro il mare, sulle spiagge, in casa, nelle discariche abusive, nei sottopassi, per le strade. Sono le borse (o sacchetti) di plastica, usate molto largamente e con estrema disinvoltura per fare la spesa o trasportare cose e molto spesso vengono abbandonate, trasportate dal vento e dalla stoltezza, senza pensare ai gravissimi danni che causano all’ambiente. Sono i sacchetti di plastica, dei quali si fa ogni giorno uso ed abuso.

12 settembre 2021 – Pesci, cetacei, tartarughe e uccelli marini trovano la morte per avere ingerito sacchetti e oggetti di plastica, per essere rimasti impigliati in reti e manufatti che non lasciano loro scampo. Rifiuti micidiali che vengono sempre più spesso e in maggiori quantità ritrovati nel loro stomaco, al momento del ritrovamento o dopo la morte. La «Giornata mondiale senza sacchetti di plastica», che ricorre proprio oggi, 12 settembre, è stata istituita nel 2009, allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale verso un uso consapevole della plastica e dei sacchetti in particolare: non usare sacchetti di plastica, ma servirci di borse riutilizzabili per il trasporto delle merci acquistate e della spesa.

The Marine Conservation Society è la società inglese non profit che ha voluto istituire la «Giornata internazionale senza sacchetti di plastica» che si celebra oggi. Sradicare questa cattivissima abitudine è l’obiettivo della ‘Giornata’ per eliminare la plastica come fonte di inquinamento, divenuta una vera e propria piaga, grave minaccia per la fauna marina. Si pensi che una borsa di plastica viene usata mediamente 12 minuti soltanto, ma rimane sulla Terra o nel mare per 200 anni.

Mimmo Mòllica ha scritto e pubblicato «Filastrocche Plastic Free», tre filastrocche per grandi e piccini per sviluppare una “memoria di ferro” e ricordarsi che i cosiddetti «bicchieri di carta» in realtà sono fatti di «plastica». Le filastrocche dei rifiuti in mare, per sensibilizzare piccoli e adulti al riguardo, sono: «Filastrocca di un piatto di plastica», «Filastrocca di un bicchiere di plastica» e «Filastrocca dei tre pescatori».

«Se la plastica rappresenta una importante risorsa per la società moderna, il suo smaltimento in mare è una autentica iattura. La presenza di rifiuti in plastica è sterminata nell’ambiente marino: più di 11 mila tonnellate l’anno vengono recuperate lungo le coste e sulle spiagge».

Le «Filastrocche plastic free» su Nostrofiglio.it

Ascolta i podcast su Spreaker:
«Filastrocca di un bicchiere di plastica»
«Nelle reti dei pescatori»
«Filastrocca di “Un piatto di plastica”