Momenti di poesia. Se ti volti e vai, di Stefania Pellegrini

Ci sono giorni come oggi
che vorresti non amarlo
e ti chiedi se è proprio lui
l’uomo che hai sposato,
su rivoli di sconforto
un film a ritroso
è fotocopia del presente.
Distogli lo sguardo
dagli occhi gelidi
e cerchi dentro di te
la briciola d’un’ illusione
ma brucia forte l’impronta
paonazza della sua mano
sulla faccia,
la sua aria da padrone.
Non è più tempo di sognare
un giardino fiorito di rose
la violenza le calpesterebbe tutte.
Un altro gesto, non aspettare
la sua vigliacca dolcezza,
resteresti incatenata
alla gabbia della simulazione.
Se ti volti e vai
ancora puoi salvarti
da questo amore.

Stefania Pellegrini ©

(Pubblicata su antologia Agemina)