PASQUALE REA è nato a CERCOLA (NA) il 18/07/1973, risiede a Pollena Trocchia (NA), ha conseguito la laurea in Economia all’Università Parthenope di Napoli. Impiegato, attore teatrale, cinematografico e televisivo, showman e performer. Fra i molteplici riconoscimenti letterari si ricordano:
1996 – Vincitore del 1° premio sezione in lingua con “La voce del cuore” del concorso nazionale di poesia “Graffito d’Argento” a Pollena Trocchia (NA).
2015 – Vincitore del 1° premio per la sezione in vernacolo con “Terra mia” della seconda fase del concorso nazionale di poesia “Graffito d’Argento” a Fasano di Puglia (BA).
2018 – vincitore del 1° premio sezione vernacolo del Concorso Letterario “UNA CITTAÀ CHE SCRIVE” inserito nelle attività della Comunità Europea per L’ANNO EUROPEO DEL PATRIMONIO CULTURALE 2018 a Casalnuovo di Napoli con la lirica “ ‘A Nonna mia”
2019 – vincitore trofeo “INNAMORATI 2019” Premio San Valentino citta di Atripalda (AV) con “Desiderio D’Amore”
2020 – vincitore del Premio Città di Melito sezione Vernacolo con “Si putesse turnà a nascere” del Concorso Internazionale Uniti per la Legalità IV edizione in Melito (NA);
2020 – vincitore del 1° premio sez. B3 “ Io amo il territorio” del Concorso Letterario “Gli Indimenticabili” con la lirica “Terra Mia”
2021 – vincitore trofeo “CUPIDO 2021” Premio San Valentino citta di Atripalda (AV) sez. Vernacolo con la lirica “ ‘A Notte d’ ‘e Nnammurate”
Pubblicazioni:
“Sussurri dall’Anima” raccolta personale di poesie Europa Edizioni 2019
“Zefiri d’Eterno” raccolta personale di poesie 2016
Alcune sue composizioni fanno parte delle raccolte:
“L’Amore raccontato in versi” Edito dalla Uni.ve.S.
“Graffito d’Argento 20 anni di poesia a Pollena Trocchia” edito dalla omonima Associazione culturale.


KRONOISTORIA

Il tempo non decide,
non incide
nemmeno sul suo incedere.
Non ha ratio,
mero conta istanti,
infinito treno
d’anelli incatenati.
Spettatore
non pagante
delle umane scelte,
pronto solo,
alla fine del convivio,
a portar conto.
Espiatorio,
agnello posto a gogna,
da chi,
col sasso in mano,
pronto è,
a scagliar
lontano i propri fii.

MATTINO DI QUARANTENA


Dalla mia finestra
tutto sembra uguale,
il grande astro
ha ripreso il suo viaggio.
La luce si stende d’intorno,
velo che brilla
di un’aurea tintura.
Un aroma fresco mi richiama in cucina,
mentre una tazza di bruno si colma,
piccola gioia
fra bieche ridondanti novelle,
che uno schermo racconta .
Dai vetri ogni cosa assopisce,
si ovatta, mentre il blu,
da cappello si erge,
sulla brulla montagna…
Qua e là altre mille finestre,
altri volti, a scrutare orizzonti,
s’aspetta, si spera,
in un etereo abbraccio virtuale.
Il mostro è la fuori,
invisibile mano assassina,
una sola sicura certezza,
ben presto lo si fermerà.

E COSÌ SIA


Vorrei…
una strada nuova
per tornare sui miei passi,
una matita
per cancellare i miei “potessi”.
Vorrei…
speranze vere,
da dare a chi ne implora,
e a chi, invece, dice basta,
solo una parola.
Vorrei…
saper volare per passarci sopra,
o ricamare un vello
che,
tutto il male, copra.
Vorrei…
capir perché si soffre
per le strade,
in tutto il mondo,
per poi risalire,
dopo aver toccato il fondo.
Vorrei….
saper guarire,
pianti e malattie,
con un sorriso,
asciugare le follie,
Vorrei…
poter viaggiare
con la macchina del tempo,
perché,
se sai il finale,
non lo sbagli il primo passo.
Vorrei:
quella bacchetta
che cambiasse,
per magia,
i desideri in fatti… e così sia.

PASSARRÀ


Sarrà nu ricordo,
pure stu mumento,
nu malepenziero
che se port’ ‘o viento.
Pe mmò amma suppurtà,
turnanne pe nu poco,
‘a vita che facevene
‘a nonna mmiezz’ ‘o luogo.
Sarrà nu poco antico,
Sarrà ‘na faticata,
pe nuje che stamme fore
tutta ‘na jurnata.
Penzammelo nu jiuoco,
‘na pazzia,
‘ na barzelletta,
tiramme fore ‘e cose,
chelle che ognuno jetta,
facimmo ‘a mazze ‘e piveze
pure’ int’ ‘o salotto,
Jucammo ‘o nascondino
stavota vaco jio sotto…
Nun penzamme ‘o mmale,
dimane passarrà,
‘mparammece sti juorne
‘o core a sapè usà….

PASSERÀ (traduzione)
Sarà un ricordo,
anche sto momento,
un cattivo pensiero,
che si porta il vento.
Per ora dobbiamo sopportare,
tornare per un poco,
alla vita che faceva nonna nel cortile.
Sarà un poco antico,
sarà una faticata,
per noi che stiamo fuori casa
tutta una giornata.
Pensiamolo un gioco,
una pazzia,
una barzelletta,
tiriamo fuori le cose,
quelle che ognuno butta,
giochiamo a “mazza e pizzo”
anche in salotto,
giochiamo a nascondino
stavolta vada io sotto…
non pensiamo al male,
domani passerà,
impariamo questi giorni
ad usare il cuore

AMMORE


Ammore cerca Ammore:
‘O vvò sentì ‘ncuollo,
ll’Addore d’ ‘e parole…
nun s’accontent ‘e chello
che jesce ‘mpont’ ‘a vocca,
arresiria ‘o calore
che nasce ‘a mmiezz’ ‘e mane
addeventànne carezza.
Ammore pave Ammore,
nun esiste ata manera
pe turna arreto
chello che, sinceramente, s’è avuto…..
Ammore campe ‘e ‘mmore
…cu ati cose…more!…
sapisse quanti Vvote
A’ fatto finta ‘e ridere,
murenne senza chiagnere,
stu core…
nun esiste ‘ncopp’ ‘a terra
‘na parola che acqualisce,
pecchè Ammore, è Ammore.

Traduzione:


AMORE
L’AMORE CERCA L’AMORE:
VUOLE SENTIRLO ADDOSSO
L’ODORE DELLE PAROLE…
NON SI ACCONTENTA DI QUELLO
CHE ESCE SULLA PUNTA DELLA BOCCA,
DESIDERA IL CALORE
CHE NASCE DALLE MANI DIVENTNDO CAREZZA.
L’AMORE SI PAGA CON L’AMORE
NON ESISTE ALTRO MODO PER
RESTITUIRE CIO’ CHE,
SINCERAMENTE,
SI È RICEVUTO….
L’AMORE VIVE D’AMORE,
CON ALTRO MUORE!
SAPESSI QUANTE VOLTE
HA FINTO DI RIDERE,
MORENDO SENZA PIANGERE,
QUESTO CUORE.
NON ESISTE SULLA TERRA
UNA PAROLA SIMILE,
PERCHÉ AMORE È AMORE.

Pasquale Rea

Tutti i diritti riservati all’autore

Pasquale Rea

Pubblicato anche su Verso – spazio letterario indipendente:

https://versospazioletterarioindipendente.wordpress.com/2021/09/23/ritratti-pasquale-rea-cinque-poesie-scelte/?preview=true