Momenti di poesia. Da un gioco di specchi, di Stefania Pellegrini

Sta lì invitante, tra sorriso e grazia
di tulipani, gialli e rossi,
schiusi oggi in giardino –
Oggi, come alla casa bianca allora.
Sta lì,
da un gioco di specchi,
un niente che accende tutto.  

E l’immagine di lei all’infinito,
illuminante,
ripete gaia – sotto,
sopra, incroci di rondini in volo…
profuma di buono…
di dolce sfornato…
di allegro meriggio d’aprile.

Il cielo è terso, azzurro – bianca la luce.
Così fresca e chiara,
rassicurante negli occhi materni,
e sul portico ora,
ove un minuto indugia
sulla gonna di panno lenci verde,
e le scarpette di vernice bianca.

Sento la voce di mio padre –
di mia madre – mite e festosa,

poi… poi più nulla.

Stefania Pellegrini ©
(Inedito 2021 – diritti riservati)