Cambiano le accuse nei confronti di Mario Roggero, il gioielliere di Grinzane Cavour (Cuneo) che il 28 aprile reagì a una rapina uccidendo due banditi e ferendone un terzo. L’uomo, che era stato accusato di eccesso colposo di legittima difesa, deve ora rispondere di omicidio doloso plurimo, tentato omicidio e porto illegale di arma comune da sparo. Per la Procura di Asti, il gioielliere sparò ai banditi “disarmati, scaricando l’intero caricatore”.

Cuneo, uccise i rapinatori: il gioielliere ora è accusato di omicidio© Ansa Cuneo, uccise i rapinatori: il gioielliere ora è accusato di omicidio

Si legge nella chiusura indagini che l’uomo sparò ai rapinatori “per cagionarne la morte, eccedendo in tal modo volontariamente i limiti della legittima difesa patrimoniale”.

Roggero “inseguì i rapinatori fuori dal negozio” – Dagli elementi raccolti durante le investigazioni, e in particolare dalle consulenze tecniche compiute nel contraddittorio tra tutte le parti, si legge nel provvedimento, è emerso che Roggero, a rapina ormai conclusa, inseguì fuori dal negozio i tre malviventi che, già usciti con la refurtiva, si erano dati alla fuga e aprì il fuoco contro di loro da distanza ravvicinata.

Continua su: Sorgente: Cuneo, uccise i rapinatori: il gioielliere ora è accusato di omicidio