FLP: GREEN PASS E RIENTRO IN UFFICIO DEI PUBBLICI DIPENDENTI

La FLP Alessandria-Asti chiede ai Dirigenti degli Uffici Pubblici della provincia di Alessandria e di Asti l’apertura di un tavolo di negoziato per discutere un reale rientro in presenza in sicurezza e secondo le normative

Trascriviamo di seguito la lettera inviata in data odierna dalla Segreteria Territoriale FLP ai dirigenti degli Uffici Pubblici della provincia di Alessandria e di Asti:

“In vista dell’entrata in vigore del DM rientri, di cui è prevista l’imminente emanazione, e dell’adozione del green pass per tutti i dipendenti pubblici, chiediamo l’apertura dell’immediato confronto allo scopo di evitare ogni iniziativa unilaterale, da parte dei singoli dirigenti, in vista del 15 ottobre p.v.

A tal proposito corre l’obbligo di ricordare che il lavoro agile resta una delle modalità di svolgimento della prestazione lavorativa e che né il DPCM, e tantomeno il DM, possono modificare l’attuale quadro normativo vigente. Così come restano le modalità semplificate di svolgimento del lavoro agile che non possono essere derogate con un DM, in violazione della norma vigente, che prevede tale utilizzo fino alla sua definizione in sede di rinnovo dei CCNL, e comunque fino al 31 dicembre 2021.

Si ricorda, altresì, che l’attribuzione del lavoro agile non può essere demandata alla discrezionalità del singolo dirigente, ma restano applicabili i contenuti dei POLA e delle attività smartizzabili ivi individuate.

Inoltre, in mancanza del POLA, il lavoro agile si applica in ogni caso ex lege seppur per una diversa percentuale, a fortiori per i lavoratori fragili, i quali, tutelati dalla legge n. 133 del 2021, godono del diritto del lavoro agile full time fino alla fine dello stato di emergenza, che, si ribadisce, è individuato al 31 dicembre 2021. Mentre il personale collocato in telelavoro non è contemplato nella normativa sui rientri essendo lo stesso un istituto diverso.

Si chiede, infine, l’attivazione di una specifica negoziazione sia per la rivisitazione e l’implementazione dei protocolli di sicurezza, alla luce dei rischi che potranno crearsi in particolare per l’eventuale rientro massiccio del personale negli Uffici e dell’afflusso dell’utenza che, come è noto, non è tenuta al possesso del green pass, sia per la flessibilità degli orari in entrata e in uscita, materie oggetto di contrattazione così come previsto dai CCNL vigenti.

In merito, si evidenzia che per la verifica dell’attivazione dei protocolli di sicurezza e i controlli sulla loro attuazione, questa O.S. sta interessando tutte le prefetture territorialmente competenti.

In attesa di urgente riscontro diffidiamo questa Amministrazione, ad evitare ogni iniziativa individuale, arbitraria e discriminatoria in vista del 15 ottobre p.v..”

L’ufficio Stampa FLP Alessandria-Asti