Mentre ci si prepara ad accogliere la nuova annata agraria è boom costi produzione

Consumi: vigilia di San Martino, è allarme per impennata prezzi da semine a mangimi

Famiglie in difficoltà, cresce solo la spesa al discount con +6,5% di acquisto prodotti low cost

 

Alla vigilia di San Martino, inizio della nuova annata agraria, è SOS in agricoltura per l’impennata dei prezzi dalle semine ai mangimi.

 

“In controtendenza all’andamento generale, il valore aggiunto cala solo in agricoltura per effetto del boom dei costi di produzione, dai carburanti ai fertilizzanti, dalle macchine agli imballaggi fino ai mangimi per alimentare il bestiame”.

 

E’ quanto afferma Coldiretti Alessandria in riferimento all’andamento del Pil nel terzo trimestre del 2021. 

 

“Il balzo dei costi energetici oltre a spingere l’inflazione – ha  sottolineato il Presidente Coldiretti Alessandria Mauro Bianco – si trasferisce a valanga sui costi di produzione e sui bilanci delle imprese. Con l’avvio delle operazioni colturali gli agricoltori sono costretti ad affrontare rincari dei prezzi fino al 50% per il gasolio, necessario per le attività che comprendono l’estirpatura, la rullatura, la semina e la concimazione”.

 

L’aumento dei costi energetici riguarda anche il riscaldamento delle serre per fiori e ortaggi ma ad aumentare sono pure i costi per l’acquisto dei fertilizzanti, per l’essiccazione dei foraggi, delle macchine agricole e dei pezzi di ricambio per i quali si stanno verificando addirittura preoccupanti ritardi nelle consegne.

 

“Il rincaro dell’energia – ha aggiunto il Direttore Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo – si abbatte poi sui costi di produzione come quello per gli imballaggi, dalla plastica per i vasetti dei fiori all’acciaio per i barattoli, dal vetro per i vasetti fino al legno per i pallet da trasporti e alla carta per le etichette dei prodotti che incidono su diverse filiere, dalle confezioni di latte, alle bottiglie per olio, succhi e passate, alle retine per gli agrumi ai barattoli smaltati per i legumi”.

 

Inoltre, da un’analisi Coldiretti in riferimento all’allarme Confcommercio sugli effetti della ripresa dell’inflazione, sulla base dei dati Istat, emerge come il caro prezzi legato alla pandemia sia responsabile dell’impennata di acquisti di cibo low cost, facendo segnare ai discount alimentari un balzo del +6,5% nelle vendite in valore nel 2021 rispetto all’anno precedente, il risultato più alto tra le forme di distribuzione.

 

“Il risultato dei discount – ha continuato Bianco – evidenzia la difficoltà in cui si trovano le famiglie che, spinte dai rincari, orientano le proprie spese su canali a basso prezzo e su beni essenziali come cibi e bevande, nel tempo del Covid”.

 

L’emergenza Covid ha innescato un cortocircuito anche sul fronte dei costi di trasporto con il rincaro di noli marittimi e costi dei container che sono schizzati ai massimi. Su questo scenario pesa il deficit logistico italiano per la carenza o la totale assenza di infrastrutture per il trasporto merci che costa al nostro Paese oltre 13 miliardi di euro con un gap che penalizza il sistema economico nazionale rispetto agli altri Paesi dell’Unione Europea.

 

“Quello che serve – ha concluso Rampazzo – è responsabilità della intera filiera alimentare con accordi tra agricoltura, industria e distribuzione per garantire una più equa ripartizione del valore per salvare aziende agricole e stalle”.