M’immergo, di Vittorio Zingone

M’immergo  

M’immergo a notte fonda  

In oceani arcani di silenzio;  

Su vane ali verso ignoti mondi   

Vo’ a quote altissime volando   

Dove una gran luce si diffonde   

A mostrarmi diafane creature  

Che umane paion, ma non hanno carne.   

Cantan lodi con gli occhi volti al cielo  

La’ dove di giorno in giorno sorge il sole;  

E sul trasparente viso    

aleggia di felicita’ compiuta arcano   sentimento   

e sulle labbra scorre un dolce riso.   

Chi mirate, per linee interne all’anima,  

Ombre viventi una migliore vita?   

Ditelo a questa mortale creatura  

Qual e’ la felice cagione   

Di tant’arcana, mirabile letizia;  

Svelate l’ignota fonte   

Che v’ispira tal beatitudine  

A me che non so credere, 

A me che non so coltivar speranze    

E dico sconfortato: Dio c’e’ per chi in cuor lo sente!.

foto pexels