Chi digerisce una vita evasiva
scritta su muri
che non hanno preso appunti?

ho chiamato a raccolta
calze bucate al calcagno
per separare le visioni dagli equivoci
l’intesa dalla resa
pezzetti di sussurri da vicinanze rumorose
dimenticanze incalzanti da torrenziali irrequietezze
incongruenze e peccati da incoscienze 

guardavo te e la mia vita
seduti al bar
vicino a una toilette maleodorante

                                     all’uscita
si paga lo stesso salato