AGGIORNAMENTO ULTIM’ORA
Le ultime elaborazioni del Centro Europeo hanno ribadito che è imminente la neve fino in pianura al Nord, in città come Milano, Bergamo e Piacenza a causa dell’arrivo di aria fredda in discesa dal Circolo Polare Artico e della simultanea presenza di un minimo di pressione sulle nostre regioni settentrionali!
Gli aggiornamenti sono tutti da seguire.
Nei prossimi giorni le condizioni meteo sono previste in forte peggioramento, specie a partire dalla giornata di giovedì 25 novembre quando un’intensa perturbazione atlantica è destinata a provocare, oltre alle piogge, anche nevicate abbondanti sui rilievi del Nord, dapprima sul comparto alpino centro-occidentale e poi pure sulle Dolomiti, dove la neve scenderà fino a quote anche inferiori ai 1000 metri con accumuli che potranno raggiungere svariate decine di cm.
Ci sarà inoltre occasione per qualche bella nevicata sulla dorsale appenninica centro-settentrionale, anche se qui la quota sarà ben più elevata e mediamente prossima ai 1600/1700 metri, in calo fin verso i 1400 nel corso di venerdì 26.

Nei giorni successivi, sempre in un contesto atmosferico assai turbolento, comincerà ad affluire sul nostro Paese aria ancora più fredda direttamente dal Polo Nord. Gioco forza le nevicate, oltre risultare sempre più copiose, cominceranno ad interessare quote ben più basse, specialmente a cavallo del prossimo weekend quando i fiocchi bianchi potranno spingersi fino ai 400/600 metri sulle Alpi e sopra gli 800 metri sugli Appennini e in Sardegna.

La novità principale riguarda tuttavia le primissime ore di domenica 28 quando si verrà a creare una configurazione favorevole a portare la neve fin sulle pianure di Lombardia ed Emilia occidentale: stiamo parlando della Venezia Low, ovvero di una bassa pressione centrata sull’alto Adriatico.
In questa particolare circostanza, grazie all’intensità delle precipitazioni e al freddo in quota, i fiocchi di neve potrebbero raggiungere anche le città di Milano, Bergamo e Piacenza.
Vi terremo aggiornati.