Lentamente, di Alma Bigonzoni & Giuseppe Buro

Lentamente aspetto l’alba 

ti rivedo nei miei sogni,

sembra lenta l’agonia quando

non ti sento mia.

Poi col cuore e con la mente

mi ritorna la speranza.

Triste barca che ritorna mi riporta

le delusioni e le speranze, lei approdava

lentamente e conduce a riva i cuori. 

Poi mi dice tu di me ti puoi fidare,

questo cuore va a brandelli e 

risale su la gioia, fino ad arrivare

al cuore.

Poi s’adagia sul suo petto, lui sugge

tutti i sogni, l’anima e la mente,

poi s’accorge che è mattino lei

è lì che dorme ancora.

@ Alma Bigonzoni &

Giuseppe buro 23.11.2021